Operazione "Periferie sicure" dell'Arma: quasi trecento persone controllate

Cinque giorni di controlli a tappeto da parte dei carabinieri a Piacenza in provincia nell'ambito di "Periferie Sicure", l'operazione di respiro nazionale, ha visto impiegati sessanta uomini del Radiomobile, delle varie caserme e militari del Cio (Compagnia di Intervento Operativo) di Firenze

Immagine di repertorio

Cinque giorni di controlli a tappeto da parte dei carabinieri a Piacenza in provincia nell'ambito di "Periferie Sicure", l'operazione di respiro nazionale, ha visto impiegati sessanta uomini del Radiomobile, delle varie caserme e militari del Cio (Compagnia di Intervento Operativo) di Firenze. In tutto sono state controllate 286 persone, 98 veicoli e 12 esercizi commerciali. In campo anche i carabinieri dei Nas e del Nil (Nucleo Ispettorato del Lavoro) i quali in base alle proprie competenze hanno effettuato accertamenti in locali notturni, bar, ristoranti. Si tratta di servizi preventivi finalizzati ad innalzare i livelli di sicurezza nelle zone ritenute più a rischio. 

Lo scopo era quello di mettere in campo una maggiore azione di contrasto verso quei reati cosiddetti predatori, quali furti  e rapine, che sempre più intaccano la percezione di sicurezza dei cittadini ma anche lo spaccio e fenomeni di degrado e la guida sotto effetto di alcol e droghe. Un dispositivo a 360 gradi che ha coinvolto, oltre la città e le principali vie di scorrimento, Borgonovo, Ziano, Rottofreno, Ziano, Pontenure, San Giorgio, Podenzano. 

Sono state segnalate come assuntori alla Prefettura quattro persone trovate in possesso di alcuni grammi di cocaina ed eroina, un 35enne è stato denunciato per guida in stao di ebbrezza, gli è stata ritirata la patente e sequestrata l'auto. Sottoposto all'alcol test durante un posto di controllo sulla Caorsana ha fatto registrare un tasso alcolemico di 1.90. Un altro uomo è stato denunciato invece per aver violato le prescrizioni di un obbligo di dimora, e un ultimo è stato arrestato per evasione: era ai domiciliari ma era uscito per una passeggiata. I carabinieri dell'Ispettorato del Lavoro hanno invece trovato in una gastronomia della città una lavoratrice senza contratto, fanno sapere dal Comando Provinciale. L'attività è stata sospesa per permettere al titolare di regolarizzarla e poi riaprire di nuovo, sono in corso invece accertamenti su un'altra persona trovata a lavorare nel locale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento