Piacenza, Lodi, Cremona e Pavia insieme contro il bracconaggio sul Po

«La scelta di organizzare in modo congiunto - spiega Il Presidente della Provincia di Lodi Soldati - condividendo mezzi e uomini, è una prima risposta per provare a presidiare al meglio il territorio, comunque con la consapevolezza che serve anche dell'altro»

Alcune reti da pesca dei bracconieri sequestrate nell'estate 2015

Al palazzo della Provincia di Lodi, incontro congiunto tra le Province di Lodi, Piacenza, Cremona e Pavia sul contrasto e contenimento dei fenomeni di bracconaggio nei corsi d’acqua dei rispettivi territori e in particolare nel fiume Po, letteralmente saccheggiati da bracconieri anche attraverso strumenti tipici dei pescatori di professione. All’incontro erano presenti per Lodi il Presidente Soldati, per Piacenza il Presidente Rolleri, per Cremona il Presidente Vezzini e per Pavia il Comandante della Polizia Provinciale. Presenti anche le Polizie Provinciali di Lodi e Cremona. L’incontro ha preso in esame i regolamenti sulla pesca delle rispettive Province, verificandone il sostanziale allineamento sul piano generale, registrando altresì il cambiamento normativo che investe le Province, e che nello specifico, sulla sponda Emiliana, ha già visto le competenze sull’ittico venatorio passare alla Regione dal 1° gennaio 2016, mentre sulla sponda Lombarda ciò avverrà a partire dal 1° aprile 2016. 

Ciò rappresenta il primo elemento sul quale costruire un allineamento tra le due sponde del fiume Po, anche in considerazione del recente provvedimento che la Regione Emilia-Romagna (in data 14/3) ha emesso per la limitazione della pesca , vietandola nelle ore notturne su tutta l’asta del Po di sua competenza. Sulla scorta di tale riflessione, si è stabilito che le Province di Lodi, Cremona e Pavia scriveranno congiuntamente a Regione Lombardia affinché, in vista dell’imminente passaggio della delega, venga adottato provvedimento analogo, in modo tale da affrontare il problema con modalità simili tra Regioni confinanti. 
Importante l’intesa raggiunta sulla vigilanza ittico venatoria, una competenza che invece permarrà in carico alle Province e che le accomuna seppur su sponde diverse. La Provincia di Lodi si è presa l’impegno per la stesura di un protocollo d’intesa che preveda l’organizzazione della vigilanza in modo congiunto tra le quattro Province, condividendo mezzi e uomini, in modo tale da presidiare al meglio il territorio.

“Salvaguardare l'ecosistema dei fiumi – sottolinea il Presidente Rolleri - ci ha spinto ad affrontare in maniera sinergica il grave problema rappresentato dal bracconaggio, mettendo in atto tutte le possibili azioni per contrastare questo fenomeno condividendo le risorse che ciascuna Provincia è in grado di metter in campo. Aggiungo inoltre quanto importante sia stata fino ad oggi e continuerà ad esserlo per il nostro territorio, la collaborazione con le Guardie Ittiche Volontarie delle associazioni piscatorie coordinate dalla Polizia Provinciale. Ad oggi contiamo sulla collaborazione di circa 150 guardie alle quali se ne andranno ad aggiungere altre che diverranno operative a breve.”

 “La scelta di organizzare in modo congiunto – spiega Il Presidente della Provincia di Lodi Soldati – condividendo mezzi e uomini, è una prima risposta per provare a presidiare al meglio il territorio, comunque con la consapevolezza che serve anche dell’altro. A tal fine le quattro Province hanno condiviso l’obiettivo di formare nuove guardie volontarie piscatorie, dandosi mandato affinché vengano organizzati specifici corsi, condividendo le professionalità presenti nei rispettivi enti per le docenze necessarie all’obiettivo”. In conclusione e proprio sulla base di quanto previsto per la formazione di nuove guardie volontarie, tutti i presenti hanno segnalato l’importanza e la gratitudine nei confronti dei pescatori e degli appassionati che svolgono la loro attività nel rispetto dell'ambiente e delle regole e che con la loro presenza assicurano un fondamentale presidio del territorio  e una preziosa collaborazione alle Istituzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento