«Pregiudicati, assembramenti e no mascherine», la questura chiude il bar Ohana cinque giorni

Il bar è alla Lupa. La notifica del provvedimento nella mattina del 21 ottobre

Immagine di repertorio - la polizia davanti al bar Ohana

Ancora un locale chiuso dalla questura. Questa volta nel mirino finito il Bar Ohana di piazzale Roma che dovrà tenere abbassate le saracinesche per cinque giorni a partire dal 21 ottobre. Il provvedimento è arrivato al termine di una serie di accertamenti ed è la concreta applicazione dell'articolo 100 del Tulps (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza). A notificare la decisione del questore Filippo Guglielmino, i poliziotti delle volanti e quelli della divisione Pasi. Negli ultimi due mesi i controlli della polizia hanno evidenziato come il locale, fanno sapere dalla questura «sia ritrovo abituale di persone con precedenti penali, si verifichino assembramenti, senza distanziamento sociale e mascherina». I controlli, sei in tutto: tre a settembre e tre in ottobre, hanno poi fatto scattare la decisione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento