Rompe a testate la finestra del bagno per evadere dalla caserma

Movimentato episodio l'altro pomeriggio nella caserma dei carabinieri a Fiorenzuola. Un 40enne russo, accompagnato negli uffici per accertamenti, ha provato a scappare ma è stato bloccato. Leggermente feriti tre carabinieri

La caserma dei carabinieri di Fiorenzuola

Prende a testate la finestra del bagno per tentare di evadere dalla caserma, ma viene bloccato appena in tempo. E' accaduto l'altro giorno nella caserma dei carabinieri di Fiorenzuola dove un 40enne russo, che era stato accompagnato in caserma per accertamenti, ha dato parecchio filo da torcere ai militari. Tanto che tre di loro sono anche finiti all'ospedale con alcune lesioni e ferite che hanno riportato nel cercare di fermarlo. Lo straniero era stato fermato dai carabinieri del Nucleo radiomobile di Fiorenzuola in viale dei Tigli dopo che un pensionato lo aveva notato nel giardino della sua abitazione e aveva chiamato il 112. I militari hanno bloccato il 40enne, che risultava anche clandestino. Quando lo hanno accompagnato in caserma per gli accertamenti, ha chiesto di poter andare in bagno. Qui però, prendendo a testate la finestra, ha rotto i vetri per aprirla e per tentare di scappare. I carabinieri se ne sono però accorti e sono riusciti a bloccarlo, ma a fatica visto che l'uomo si è dimenato con violenza tanto da ferire i tre militari accorsi. Alla fine è stato calmato ma per lui sono scattate una serie di denunce: resistenza a pubblico ufficiale lesioni e danneggiamento aggravato. Nel frattempo i sanitari del 118 avevano provveduto a medicargli le ferite che si era procurato alla testa. I tre carabinieri feriti sono stati medicati all'ospedale di Fiorenzuola ma le loro condizioni non sono affatto preoccupanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento