Prostituzione, patteggiano in tre per lo sfruttamento di una ventenne romena

Un albanese, che sta scontando una pena a 12 anni, e due romeni davanti al gup. Pene tra un anno e 4 mesi e un anno e 10

Hanno patteggiato le tre persone accusate di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione. Secondo la procura, i tre avrebbero preteso la metà dei guadagni di una giovane romena, assicurandole la loro protezione. L’udienza si è svolta nella mattina del 15 febbraio davanti al giudice per l’udienza preliminare Giuseppe Bersani, pm Antonio Colonna. Il terzetto, difeso dall’avvocato Vittorio Antonini, era stato arrestato nel novembre del 2016. Un albanese di 33 anni e due romeni, un uomo e una donna entrambi di 27, finirono nella rete dei carabinieri dopo la denuncia della donna. Alla romena era stata bruciata l’auto e lei presentò una denuncia. Gli investigatori si insospettirono e pensarono a un regolamento di conti nell’ambito della prostituzione. Dalle intercettazioni telefoniche, i militari ebbero la conferma che una ragazza di 20 anni veniva sfruttata, prostituendosi lungo la Caorsana. L’albanese è in carcere, dove sta scontando una condanna a 12 anni per spaccio di stupefacenti, prostituzione e porto di armi, mentre il romeno ha l’obbligo di firma. L’unica in libertà è la donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento