menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La polizia davanti al bar Baraonda

La polizia davanti al bar Baraonda

«Ritrovo di pregiudicati», il questore chiude il bar Baraonda: «Pericolosità sociale»

Due giorni. Il provvedimento che è stato notificato nella mattinata del 12 settembre dai poliziotti delle volanti e della divisione Pasi ha suscitato qualche malumore tra gli avventori presenti

Il questore Filippo Guglielmino ha disposto la chiusura del bar Baraonda per due giorni. Il provvedimento che è stato notificato nella mattinata del 12 settembre dai poliziotti delle volanti e della divisione Pasi ha suscitato qualche malumore tra gli avventori presenti.
La decisione arriva al termine di una serie di controlli durante i quali nel locale (gestito da cinesi) sono stati trovati molti pregiudicati per diversi reati e »enuto conto della pericolosità sociale scaturita dall’assembramento costante di persone gravare da precedenti penali che va a gravare sulla situazione già delicata del quartiere» il questore ha disposto la chiusura applicando l’articolo 100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza che dispone la sospensione della licenza caso di “tumulti o gravi disordini”, oppure “qualora il locale sia abituale ritrovo di persone pregiudicate o pericolose” o, comunque, se il comportamento costituisca “un pericolo per l’ordine pubblico, per la moralità pubblica e il buon costume o per la sicurezza dei cittadini”. Solo qualche giorno fa la stessa sorte era toccata al Bar Guernica. Il bar Baraonda era già stato chiuso nel 2016 per 15 giorni e per gli stessi motivi. 

L'attività si inserisce nell'attività più ampia della polizia che giovedì e venerdì ha ancora battuto al setaccio, come nelle settimane scorse, Peep e quartiere Roma lungo l'asse di via Colombo. Sono state controllate 175 persone e 64 auto, fatte 19 multe relative a diverse violazioni del codice della strada e controllati cinque esercizi pubblici.  Si tratta di un monitoraggio costante e continuo volto alla repressione e prevenzione di comportamenti pericolosi, contrasto del microspaccio e della microdeliquenza, controllo del rispetto delle normative anti Covid. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Usb: «Non saremo con i Si Cobas davanti alla Cgil»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento