Start Cup 2016, annunciati i finalisti piacentini

Premiata all’Urban Hub l’idea vincente per le App

Si è svolta questa mattina all’Urban Hub di via Alberoni la premiazione del 1° classificato alla sezione speciale “StartcAPP” del concorso regionale per idee d’impresa Start Cup Emilia-Romagna 2016. Il riconoscimento, con un contributo di 2000 euro per lo sviluppo dell’idea imprenditoriale, consegnato dal “business angel” piacentino Umberto Pagnini, è andato alla bolognese “Wearing That” di Domenico di Leone e Andrea Lissandrin, che propone un nuovo canale di comunicazione digitale per fare pubblicità attraverso le immagini. Il premio StartcAPP rappresenta una delle novità introdotto nell'edizione 2016 ed è dedicato a progetti relativi allo sviluppo di un’applicazione software o web, o che ne preveda l’utilizzo come parte predominante del proprio modello di business.

Nell’occasione, sono stati annunicati i finalisti piacentini della Start Cup regionale 2016: “YesWeSail”, marketplace innovativo dedicato al turismo in barca a vela di Jacopo Gazzola e U&O, e “Riabilitazione robotica alla portata di tutti”, di Mirco Porcari, Gianluca Sesenna e Andrea Santi. La prossima settimana, in occasione del TechGarage che si terrà a Reggio Emilia il 20 ottobre, saranno premiate le migliori tre idee d’impresa tra i team finalisti di aspiranti startupper e i migliori video del concorso GenerAzioni. Le idee di impresa saranno votate in diretta durante la pitch session da una giuria composta da imprenditori, investitori ed esperti di innovazione. 

Premiaz Start Cups_06-2

Premiaz Start Cups_19-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento