Guidavano ubriachi, via tre patenti nella notte

In tutto nella notte del 25 novembre la polizia stradale ha controllato 46 persone, ritirato tre patenti per guida in stato di ebbrezza e sequestrato due auto

Immagine di repertorio

Proseguono i posti di controllo della polizia stradale finalizzati al contrasto del fenomeno  della guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droga, iniziati nel maggio del 2015 in diciannove province italiane ed estesi, nel corso del tempo ad altri territori, tra cui, appunto, Piacenza. La novità sta nel fatto che al fianco dei poliziotti ci sono i medici e il personale del ruolo sanitario della Polizia di Stato, ai quali è affidato il compito di procedere ad uno screening preliminare sulla saliva che è in grado di evidenziare se il soggetto sottoposto al controllo ha fatto uso di sostanze stupefacenti e di che tipo. In campo anche il personale sanitario della polizia della scuola allievi e la Croce Rossa.  In tutto nella notte del 25 novembre  sono state controllate 46 persone ( sette donne e 39 uomini). Tre i denunciati per guida in stato di ebbrezza, si tratta di due piacentini di 30 e 39 anni trovati con tasso alcolemico di 1,07 e 1,71 grammi per litro. Un terzo uomo, un 40enne di Cadeo, che si è rifiutato di sottoporsi all'alcol test si è visto, come prevede la legge, comminare il massimo previsto. Tre le patenti ritirate. Infine sono state sequestrate due auto ai fini della confisca e controllate con il precursore della droga tre persone: sono risultate negative. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento