rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Cronaca

Treno deragliato tra Lodi e Piacenza, confermata l’ipotesi dell’inversione degli attuatori

Il procuratore di Lodi: «Gli accertamenti confermano l’inversione dei cablaggi dell'attuatore numero 5»

«Gli accertamenti effettuati hanno confermato l'inversione dei cablaggi dell'attuatore numero 5, che era già emersa all'esito delle prime verifiche effettuate sul campo». Lo ha spiegato il procuratore della Repubblica di Lodi Domenico Chiaro all’Agenzia Ansa (riferendosi all'incidente ferroviario tra Lodi e Piacenza che ha visto il deragliamento di un Frecciarossa che ha portato alla morte di due ferrovieri), aggiungendo che gli accertamenti «hanno anche, nel contempo, escluso che analogo difetto fosse presente negli altri sei dispositivi dello stesso lotto che erano stati sequestrati in via cautelativa presso il deposito di Livraga, come già avvenuto per i restanti attuatori del medesimo lotto già in servizio sulla rete ferroviaria». «E' doveroso, a questo punto - aggiunge - ringraziare la polizia ferroviaria e tutti coloro che hanno consentito di condurre, in soli 16 giorni, i delicati accertamenti tecnici da effettuarsi sul luogo dell'incidente con pieno rispetto dei diritti difensivi delle persone o enti eventualmente responsabili dell'accaduto».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treno deragliato tra Lodi e Piacenza, confermata l’ipotesi dell’inversione degli attuatori

IlPiacenza è in caricamento