Un oleodotto fantasma per rubare tonnellate di carburante all'Eni

Imponente operazione della Guardia di Finanza: sequestrate oltre 18 tonnellate di carburante rubato ed occultato all'interno di un capannone industriale a Fiorenzuola. Scoperte sofisticate apparecchiature e rete di tubature per sottrarre il prodotto petrolifero da oleodotto dell'Eni

Le indagini hanno consentito di risalire ad un autotrasporatore, originario della provincia di Teramo, denunciato a piede libero per i reati di furto e sottrazione all’accertamento e al pagamento dell’accisa sui prodotti energetici.
«Tale illecita attività da parte dell’autotrasportatore - spiega, il comandante Daniele Sanapo - veniva eseguita mediante l’utilizzo di una cisterna posizionata all’interno di un container, a sua volta, caricato sul proprio mezzo pesante. Le indagini eseguite hanno permesso di accertare un consumo in frode di gasolio per oltre 50 tonnellate, equivalenti a 60mila litri. Il materiale rinvenuto all’interno dei locali perquisiti, e l’autocisterna rinvenuta in provincia di Teramo, sono stati sequestrati, mentre il prodotto petrolifero è stato prelevato e trasportato presso un deposito fiscale dell’Eni per l’affidamento in giudiziale custodia. Sono tuttora in corso indagini tese a risalire sia all’organizzazione criminosa artefice dell’illecita attività, molto ben strutturata per piazzare illegalmente quantitativi di carburante così elevati, sia ad altri eventuali responsabili conniventi della zona.

«Questa operazione - affermano i dirigenti della Guardia di Finanza di Piacenza evidenzia il costante impegno delle Fiamme gialle nell’opera di prevenzione, individuazione e repressione delle frodi nel comparto delle accise applicate sugli oli minerali, al fine di tutelare il gettito all’erario e gli imprenditori onesti che operano nel settore, talvolta danneggiati dal comportamento di quei soggetti economici che, sfruttando i vantaggi derivanti dai sistemi fraudolenti sopra delineati, applicano prezzi nettamente più bassi a spregio della leale concorrenza e del corretto funzionamento delle regole di mercato».

GUARDA IL VIDEO DELL'OPERAZIONE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento