Bastonano per vendetta un ucraino e un bielorusso: presi e denunciati

La violenta aggressione avvenuta ieri in via Alberoni, dove un giovane bielorusso è stato colpito a bastonate da un gruppo di albanesi e mandato all'ospedale, è collegata alla maxi rissa del primo maggio a piazzale Genova

La polizia ha confermato che la violenta aggressione avvenuta ieri pomeriggio in via Alberoni, dove un giovane originario della Bielorussia, ma regolarmente residente a Piacenza, è stato colpito a bastonate da un gruppo di albanesi e mandato all'ospedale, è collegata alla maxi rissa del primo maggio scorso avvenuta in piazzale Genova.

I tre albanesi finiti nei guai oggi, tutti di età comprese tra i 32 e i 23 anni, sono stati individuati dagli agenti delle volanti in collaborazione con i colleghi della squadra mobile di Piacenza, e ora dovranno rispondere di lesioni aggravate e di rapina aggravata in quanto hanno anche portato via al malcapitato il suo borsello con un migliaio di euro circa.

L'episodio di sabato pomeriggio è iniziato quasi per caso. I tre albanesi, stando a una prima ricostruzione della polizia, stavano transitando a bordo di una Fiat Tipo bianca in via Alberoni, quando hanno scorso lungo il marciapiedi il bielorusso insieme a un amico ucraino. Il terzetto era convinto che si trattasse degli stessi stranieri che avevano preso parte alla rissa avvenuta in piazzale Genova la sera del primo maggio, e quindi si sono fermati, sono scesi e ne è nata subito una violenta discussione. Dalle parole si è presto passati ai fatti e a questo punto i due sono stati aggrediti a botte e anche a bastonate. Terminato il regolamento di conti il terzetto di albanesi è poi risalito al volo in auto e sono scappati a tutta velocità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fortunatamente qualcuno ha preso il numero di targa della macchina che fuggiva e lo ha fornito alla polizia. Gli agenti della questura sono quindi andati a colpo sicuro, e i tre aggressori sarebbero anche già stati riconosciuti dagli aggrediti. Per loro è quindi scattata la denuncia a piede libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento