Economia

Promozione dell'imprenditoria femminile, raccolti i fondi per avviare il progetto di co-housing

Si tratta di un progetto di co-housing per giovani con disturbo dello spettro autistico, ideato dall’Associazione La Matita Parlante congiuntamente all’Ausl di Piacenza

Il comitato

La cena di solidarietà organizzata dal Comitato per la Promozione dell’Imprenditorialità femminile, l’8 marzo 2019 presso La Volta del Vescovo, ha raggiunto uno straordinario risultato. La grande partecipazione ha consentito di raccogliere i fondi che saranno destinati all’avvio di un progetto di co-housing per giovani con disturbo dello spettro autistico, ideato dall’Associazione La Matita Parlante congiuntamente all’Ausl di Piacenza. Nel corso della serata i ragazzi hanno presentato con entusiasmo i libri scritti da loro, gli IN-Book, suscitando grande emozione e interesse nei partecipanti alla cena. Alcuni imprenditori hanno inoltre raccontato le loro esperienze vissute nell’accogliere questi ragazzi nelle loro aziende, ottenendo importanti risultati ed infine è stata presentata un’altra importante iniziativa “Book box”, libri in cammino. Un progetto che si propone di realizzare a Piacenza e provincia una piccola biblioteca nelle sale d’attesa di luoghi frequentati da bambini e adulti (studi professionali, aziende, negozi). BookBox è una biblioteca speciale dove la cura, l’aggiornamento periodico e la distribuzione dei volumi e delle riviste è affidata a ragazzi che rientrano nel progetto «Autismo 0-30».

L’allestimento floreale della sala è stato donato dall’Associazione Fioristi piacentini mentre l’artista Fiorenzuolano Stefano Villaggi ha esposto la scultura itinerante “Dalle un fiore” per sensibilizzare al tema della violenza contro le donne. Le presenze sono state più di 180 e il fondo raccolto pari a 5mila euro. Il sostegno di tutti coloro che hanno partecipato, contribuirà a realizzare il sogno di una vita indipendente che accomuna tutti i giovani coinvolti nel progetto. Ai ragazzi coinvolti sarà offerta un’opportunità abitativa, adeguata alle esigenze di ognuno, per apprendere le competenze necessarie alla gestione della quotidianità, costruendo le basi per il raggiungimento della maggior autonomia possibile. I ragazzi potranno così realizzare esperienze abitative settimanali, attraverso la creazione di piccoli gruppi che mensilmente si alterneranno nell'abitazione, con il sostegno educativo adeguato ai loro bisogni. La proposta sarà infatti integrata da obiettivi individualizzati, riguardanti i singoli partecipanti. L'abitazione è collocata nel contesto urbano, ben servita dai mezzi di trasporto e in un quartiere residenziale. Elemento qualificante è anche la possibilità di  ospitare, all'interno dell'appartamento, studenti e gruppi di coetanei al fine di creare momenti di condivisione conviviale e culturale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Promozione dell'imprenditoria femminile, raccolti i fondi per avviare il progetto di co-housing

IlPiacenza è in caricamento