menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I centri Educativi della città scaldano i motori per l’estate

Il Comune di Piacenza ringrazia il Comune di Vecchiano

Prima di Pasqua, il 14 aprile, i Centri Educativi della città hanno coinvolto 250 minori, tra elementari medie e superiori, portandoli in Toscana precisamente a Marina di Vecchiano (PI) dove ad attenderli oltre ad una spiaggia infinita c’erano i volontari del WWF dell’Alta Toscana, il Sindaco di Marina di Vecchiano Massimiliano Angori, il Vicesindaco Lorenzo Del Zoppo che hanno aiutato nei preparativi i volontari del WWF e l’assessore Mina Canari.

Un’accoglienza d’onore quindi per i ragazzi della città di Piacenza!! Il Sindaco e la sua giunta hanno fatto scelte controcorrente favorendo il tema ambientale a scapito del mero sfruttamento delle spiagge e di questo ne vanno ovviamente orgogliosi. Hanno creato una riserva che può essere fruita da TUTTI, a fini sociali purché venga rispettato il suo habitat. In essa l’arenile è libero: non è stato occupato per scelta da stabilimenti balneari e si è conservato naturale con le sue dune e la vegetazione pionera. Per l’amministrazione comunale il fatto che ci si interessi a questa zona  e che venga valorizzata è importante per loro al fine di stimolare ancora di più la partecipazione dei cittadini e delle associazioni locali. La scelta delle cooperative: Casa del Fanciullo, Eureka ed Oltre di organizzare una giornata così speciale nasce da obiettivi simili a quelli dell’amministrazione del Comune di Vecchiano: favorire nei loro ragazzi lo sviluppo di una coscienza ambientale, permettergli di conoscere l’autentico paesaggio marino e stili di vita diversi. Per queste ragioni il nostro assessore Stefano Cugini ha ringraziato personalmente l’amministrazione di Vecchiano per l’attenzione verso i ragazzi piacentini e per complimentarsi delle loro scelte in tema ambientale.

L’iniziativa è stata possibile grazie al grande lavoro svolto dai volontari del WWF dell’Alta Toscana che hanno diviso i ragazzi in gruppi omogenei per fasce d’età a cui hanno proposto diverse attività e la visita dell’area insegnando loro l’importanza di seguire i percorsi autorizzati, di non lasciare oggetti e rifiuti ma anche di raccogliere i rifiuti portati dal mare e dal fiume. E’ convinzione di tutte le Cooperative promotrici dell’iniziativa  che l’apprendimento esperienziale costituisca un modello di apprendimento importante, l'azione e la sperimentazione di situazioni, rendere il minore attivo protagonista  lo porta a mettere in campo risorse e competenze spesso sconosciute anche a stesso. Durante il viaggio di andata gli educatori hanno raccolto anche alcuni dati tra i ragazzi e hanno scoperto che:  il 40%  non era mai stato al mare e solo il 13% conosceva il WWF; dati che fanno riflettere ma che motivano gli educatori a sviluppare progetti di questo tipo. Non ultimo in ordine di importanza è stato l’esempio di partecipazione attiva dei cittadini di Vecchiano e dei volontari del WWF: il loro Presidente – Marcello Marinelli coadiuvato da Roberto dell’Orso, Guido Nassi, Cinzia Bertuccelli, Letizia Andreini, Samantha Benucci, Avio Bertilotti e Lavinia Stanila tutti dell’associazione Alta Toscana.

Spesso è difficile comprendere il valore del lavoro svolto all’interno dei Centri Educativi, lavorare sulla prevenzione  del disagio non è di facile visibilità ma fondamentale per la costruzione di una società civile ed equa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

«Allargare la cava significa più inquinamento per la zona»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento