Al Milestone Trio Bobo in concerto e Open Sound Check

Tre formidabili strumentisti in grande libertà espressiva al Milestone. Il Trio Bobo in concerto sabato 5 novembre alle 22 con Open Sound Check nel pomeriggio. Durante la serata sarà presentato il CD "Pepper Games"

Un'immagine di Alessio Menconi

Al Milestone di via Emilia Parmense 27, sabato 5 novembre, arrivano tre strumentisti formidabili, che formano l’All-Star group chiamato, con molto understatement, Trio Bobo. Si tratta di Alessio Menconi alla chitarra, Faso al basso e Christian Meyer alla batteria. Christian Meyer e Faso sono la potente sezione ritmica che supporta Alessio Menconi, un sofisticato chitarrista con una forte impronta rock e blues. La loro musica è aperta, personale, altamente definita e fortemente intrisa di ritmi africani e armonie etniche. Chi segue il gruppo di "Elio e le storie tese" ha certo familiarità con questi musicisti.

Il concerto è previsto per le ore 22:00 ma il locale aprirà alle ore 21:00. L’ingresso è gratuito, rivolto ai soci Piacenza Jazz Club e Anspi. La tessera (già 2017) è richiedibile all’ingresso e ha un costo di € 20 (€ 6 per gli Under 30).

Il trio farà un Open Sound Check a ingresso libero da via Musso dalle 17:00 alle 19:00 per chi fosse interessato; inoltre il chitarrista Alessio Menconi alle ore 16:00 (sempre con ingresso dalla Milestone School of Music di via Musso 5), presenterà il suo metodo per chitarra. In entrambi i casi la frequenza è libera e gratuita.

L'ultimo disco della band, appena dato alle stampe, è “Pepper Games”, che verrà appunto presentato sabato sera al Milestone. Ecco quello che dicono del gruppo: “Trio Bobo è un meraviglioso esempio di 'less being more - and for that matter', e per questo, la somma del tutto è più grande della somma delle sue parti. E’ sorprendente sentire queste tre musicisti suonare dal vivo: l'ascolto dà la sensazione di ascoltare la versione elettrica del Keith Jarrett Trio”.

Alessio Menconi a 16 anni inizia i primi concerti con la Big Fat Mama Blues Band, successivamente è in trio con Rosario Bonaccorso e il trombettista Giampaolo Casati. Nel 1992 entra nella Bansigu Big Band con la quale pubblica 2 dischi, con la partecipazione di Enrico Rava e Paolo Fresu, nel 1993 vince il premio come miglior giovane chitarrista all'Eddie Lang Jazz Festival. Dal 1995 al 2004 collabora con Paolo Conte, col quale incide 4 album e partecipa a vari tour europei. Terminata l'esperienza con Paolo Conte inizia una carriera solista, pubblicando due album. Nel 2010 con Aldo Romano e Luca Mannutza pubblica il disco omonimo nell'Adventures Trio. Dal 2006 è docente di chitarra jazz al conservatorio “Ghedini” di Cuneo e al conservatorio “Paganini” di Genova.

Christian Meyer fin dai primi anni Ottanta collabora prima con musicisti italiani (a Francoforte) e dal 1983, tornato in Italia, comincia lo studio di diversi generi musicali, focalizzandoli principalmente nel Jazz. Ha insegnato dal 1990 al 1996 al Centro Professionale Musica (CPM) di Milano. Richiestissimo dai maggiori artisti italiani e internazionali, attualmente fa parte della "Drummeria", orchestra di percussioni formata oltre che da Meyer da altri quattro batteristi: Walter Calloni, Maxx Furian, Ellade Bandini, Paolo Pellegatti, ospiti la scorsa estate a Travo per “Summertime in Jazz”.

Faso è il bassista di famosi gruppi musicali. Ha anche fatto parte della band The Phazees per alcune trasmissioni televisive di MTV ed ha partecipato a trasmissioni RAI. Anche per lui grandi collaborazioni con artisti di svariata estrazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento