Vernasca, è il week-end di Bascherdeis: attese più di cinquanta compagnie di artisti di strada

To the moon and back è il titolo di questa edizione che, da venerdì 26 a domenica 28 luglio, offrirà spettacoli aerei con strutture, tre cabaret, oltre cinquanta gruppi e più di centocinquanta artisti provenienti da almeno venti nazioni

Foto di repertorio

Il palcoscenico all’aperto a Vernasca è pronto ad accogliere la quindicesima edizione di Bascherdeis. La kermesse dedicata agli artisti di strada ha in serbo un’edizione dal cast stellare che coincide - per restare in tema spaziale - con il cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna. To the moon and back è il titolo di questa edizione che, da venerdì 26 a domenica 28 luglio, offrirà spettacoli aerei con strutture, tre cabaret, oltre cinquanta gruppi e più di centocinquanta artisti provenienti da almeno venti nazioni. Numeri importanti dietro i quali si muove una macchina collaudata che vede in prima fila l’organizzazione dell’Associazione Appennino Cultura e del Comune di Vernasca, con il sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e della Regione Emilia Romagna. E indispensabile è il lavoro di 250 volontari che a Vernasca fanno capo a Pro Loco, USD, Gruppo Cacciatori, Sezione Avis, Gruppo parrocchiale e Gruppo Alpini, affiancati da Pro Loco di Borla.

LE NOVITÀ DI QUESTA EDIZIONE. La tradizionale formula di Bascherdeis - due giornate di festival con gli artisti di strada il sabato e la domenica, “introdotte” da una giornata di contest musicale - quest’anno si allarga: oltre ai musicisti, infatti, il venerdi sarà presente anche una nutrita selezione di spettacoli circensi, una sorta di anticipazione dell’esplosione di arte busker delle giornate successive. Arricchita è anche la parte di festival dedicata alle arti più varie: illustrazioni, visual artist, ceramiche formano Bascherstreet, la via degli artisti che in questa quindicesima edizione sarà ancora più sorprendente e affollata. E una novità sarà anche, per così dire, scenografica: quindici anni di festival meritavano di essere celebrati, e ci penserà una galleria di immagini delle scorse edizioni, un’ampia carrellata di grandi foto artistiche che decoreranno tutte le vie del paese.

IL CAST. Le compagnie artistiche saranno più di cinquanta, provenienti da quattro continenti. La vocazione poliglotta di Bascherdeis non si smentisce: ai busker italiani si affiancheranno i colleghi in arrivo da Sudafrica, Inghilterra, Francia, Messico, Germania, Belgio, Stati Uniti, Russia, Canada, Cile, Argentina, Australia e Guatemala, solo per citare alcuni dei paesi di provenienza. Tra i nomi più attesi, i francesi Five Foot Fingers, un quintetto che tra danza, corda irlandese, clownerie, magia, manipolazione e acrobazia propone uno spettacolo esplosivo e delirante, interpretato in maniera travolgente. A ricordare che si tratta di un’edizione lunare, e vale la pena di stare a naso in su, ci penseranno gli Unartiq Circus, compagnia tedesca che offre incredibili spettacoli di trapezio, palo cinese e tessuti aerei; e i Wise Fools, trio belga specializzato in trapezio triplo e funi da salto. Dalle evoluzioni mozzafiato alle risate:
molto attesi i Men in Coats, coppia di stand up comedy inglese senza freni che mescola commedia, clownerie e illusione. Infine, in ambito musicale, c’è attesa - tra gli altri - per i Los Kamer, otto artisti messicani con maschere animalesche che presto porteranno la loro gipsy music anche al Glastonbury Festival. La selezione degli spettacoli in arrivo a Vernasca è anche frutto di una collaborazione con altri festival italiani attraverso l’United for Basking (dal 2018 Bascherdeis è entrato a far parte di UFB, una vera e propria rete di manifestazioni del settore), e dal continuo contatto con eventi d’altre nazioni, in primis i festival di artisti di strada di Linz (Austria), Barcellona e Lugano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

MERCATINO. E che dire del Mercatino del Bascherdeis? Le bancarelle di qualità rappresentano da diversi anni un giusto complemento alle attività culturali e artistiche del Festival. Ed anche quest’anno 85 espositori, scelti dopo un’accurata selezione, sapranno accogliere i visitatori in un tripudio di colori attraverso un percorso che offrirà un’ampia gamma di oggetti di artigianato creativo, anche del tutto inusuali e fantasiosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento