Aggressioni negli ospedali, Callori (Fd'I): «Indispensabile mappare il fenomeno»

Anche a Piacenza le violenze a medici ed infermieri sono all’ordine del giorno: spinte, botte, schiaffi, insulti e minacce verbali

Fabio Callori

Sono 1.142 le aggressioni registrate negli ospedali della Regione solo negli ultimi sei mesi del 2019. Significa 6 al giorno. Anche a Piacenza le violenze a medici ed infermieri sono all’ordine del giorno: spinte, botte, schiaffi, insulti e minacce verbali.  Il Capogruppo di Fratelli d’Italia in Regione Fabio Callori commenta i numeri raccolti dagli ospedali stessi, “parliamo di dati disomogenei e parziali perché non c’è una prassi né una norma che imponga di mappare il fenomeno. Ed è un fenomeno alla ribalta che riempie le pagine di cronaca: medici, paramedici, infermieri e tutto il personale sanitario sono sempre più spesso bersaglio di pazienti o di familiari. Ricordiamo un caso su tutti, avvenuto lo scorso giugno, al Guglielmo da Saliceto di Piacenza, quando due persone in attesa di assistenza avevano iniziato a discutere prima tra loro e poi con la guardia giurata in servizio ed infine prendendosela anche con un infermiere intervenuto per placare gli animi. Erano volati insulti, sputi ma anche pugni e minacce di morte, secondo chi era presente durante l’accaduto. La causa scatenante della furia? Pare fosse legata a dove attaccare il caricabatteria di un telefono. Quasi sempre basta un nulla”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Per quanto riguarda gli ambiti in cui si concentrano le aggressioni i più colpiti sono i posti di pronto soccorso e i reparti di psichiatria. A farne le spese nell’80% dei casi sono soprattutto gli infermieri. Considerando poi la «tipologia del danno», si vede che il disagio all’operatore è in cima, secondo posto è per le lesioni personali, mentre il terzo va a danni a cose e lesioni a persone. In generale, non è possibile effettuare un confronto con gli anni precedenti, proprio perché gli episodi non vengono rilevati ogni volta: manca un sistema di procedure univoco e omogeneo di raccolta e monitoraggio”. Per questo il candidato di Fratelli d’Italia alle prossime elezioni regionali Fabio Callori evidenzia il problema come uno dei punti principali sui quali dovrà lavorare la futura Giunta.  “Tutti i responsabili, dai sindacati alle forze dell’ordine, dall’assessorato ai tecnici del settore, dovranno contribuire a definire le linee pratiche allo scopo di mappare il fenomeno. Gli operatori socio-sanitari dovranno arrivare a sentirsi responsabili di inefficienze e ritardi, cosa che tuttora li spinge spesso a non segnalare episodi di cui sono vittime. E sarà anche indispensabile che persone in sofferenza possano sentirsi assistiti nelle migliori condizioni possibili”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

  • «Mi dispiace per quanto ho fatto, mi hanno aggredito e mi sono solo difeso»

  • Ricette piacentine: la torta di patate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento