Associazione Rete: «Nessun disordine alla protesta, si cerchi il piromane del Peep»

In seguito alle indagini inerenti alla pacifica manifestazione dei cittadini contro i provvedimenti del Governo, il presidente dell'Associazione "Rete" - Case Popolari chiede delucidazioni in merito ai roghi che colpiscono settimanalmente il Peep e la città. Così esordisce Radaelli. «Ho partecipato, assieme a tanti piacentini, alla legittima manifestazione contro i provvedimenti governativi, che mettono in ginocchio tanti miei concittadini, i quali vedono vanificati i sacrifici di una vita. In tutta Italia, la preoccupazione maggiore è delegittimare il malcontento piuttosto che trovare delle soluzioni alla grave crisi economica che sta colpendo noi tutti». «Delegittimazione - attacca Radaelli - che avviene attraverso l'attacco e la persecuzione di quelle persone che hanno il coraggio di manifestare con più forza. Non si sono verificati disordini, danni, scontri e nemmeno semplici momenti di tensione. Dunque, su cosa si sta perdendo tempo? Avrei piacere che questa caccia all'uomo fosse applicata contro i criminali che spesso danno alle fiamme auto e cassonetti nel Peep e, più in generale, nella città». Conclude il presidente di Rete: «Se le uniche risposte sono lottare contro chi manifesta e, addirittura, accende innocue torce, non prevedo nel breve termine delle soluzioni alle problematiche serie. Confido in un cambio radicale di mentalità».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

Torna su
IlPiacenza è in caricamento