Borgonovo, Lega: «Bizzarre le dimissioni dell’assessore Guastoni»

Il partito interviene sulle ultime novità che riguardano il comune di Borgonovo

Dopo i duri attacchi al sindaco riguardo l’apertura della moschea in zona Cà Verde, vicenda che nei mesi scorsi l’ha portata ufficialmente all’opposizione, la Lega di Borgonovo torna a far sentire la propria voce. «Anzitutto – dice il segretario Denis Bricchi – notiamo con sorpresa che la Giunta continua a perdere pezzi.  Dopo le dimissioni quasi immediate della consigliera Carrà, risalenti a luglio 2016 (pochi giorni dopo essere stata nominata) e sostituita solo pochi mesi fa dopo vari richiami della Regione sul mancato rispetto delle quote rosa, registriamo la seconda defezione: quella dell’assessore Guastoni, dimissioni che a detta del sindaco erano già programmate a inizio mandato. La cosa ci sembra quantomeno bizzarra, sia perché ha poco senso nominare un assessore sapendo già in partenza che non potrà svolgere fino in fondo i suoi compiti, sia perché la Guastoni si era già dimessa dal medesimo ruolo anche nel mandato precedente, quando il Sindaco era Roberto Barbieri. Sempre riguardo la giunta – prosegue il vice-segretario Daniele Pane – è opportuna una considerazione: in essa appaiono due membri della lista civica, che oltre al ruolo di assessore detengono contemporaneamente anche quello di consigliere. A causa di questa particolare situazione, alcuni consiglieri votano in consiglio quanto deliberato dalla giunta, di cui loro stessi fanno parte. Ebbene, pur essendo consentito dalla legge per i comuni meno popolosi come il nostro, questo non ci sembra un atteggiamento serio e trasparente e infatti, fintanto che la Lega è stata presente in amministrazione, ciò non era mai accaduto».

L’attenzione della Lega si sposta poi su un altro argomento, ovvero il recente implemento del parco mezzi comunale con un piccolo motocarro proveniente da Iren, che gli operai del comune useranno per svolgere le loro mansioni. «Abbiamo appurato – dicono i militanti – che il mezzo era in pessime condizioni, con varie parti usurate o da sostituire, ed aveva già percorso 95.000 chilometri. Dato che l’assessore ai lavori pubblici Domenico Mazzocchi è dipendente proprio di Iren – conclude la Lega - vorremmo sapere se il mezzo è stato concesso gratuitamente al nostro Comune, o se invece si è dovuto sostenere un esborso economico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento