menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Commercio abusivo, Giovani Padani: «Giunta inerme derisa dagli illegali»

«L’assessore al Commercio derisa dagli abusivi nel giorno della fiera patronale di Piacenza: è segno che la giunta è arrivata alle comiche finali». In seguito alle dichiarazioni rilasciate dall’assessore Katia Tarasconi, i Giovani Padani tornano a denunciare il fenomeno dei venditori abusivi in centro storico

«L’assessore al Commercio derisa dagli abusivi nel giorno della fiera patronale di Piacenza: è segno che la giunta è arrivata alle comiche finali». In seguito alle dichiarazioni rilasciate dall’assessore Katia Tarasconi, i Giovani Padani tornano a denunciare il fenomeno dei venditori abusivi in centro storico.

«Sbeffeggiata per sua stessa ammissione dagli illegali – afferma Luca Zandonella, segretario provinciale del movimento giovanile leghista -, Tarasconi ci dà prova di come gli annunciati controlli tra i banchi effettuati dagli assessori, finalizzati a sostituire gli agenti di polizia municipale in sciopero, non fossero altro che una farsa. È racchiusa in questa piccola ma emblematica vicenda la totale mancanza di autorità da parte dell’esecutivo di palazzo Mercanti: se i Giovani Padani sono stati in grado di chiamare la Guardia di Finanza e far sequestrare la merce, non si spiega come la giunta sia priva di poteri. Resta il fatto che l’assenza di incisività della giunta Dosi nel combattere l’illegalità non è un episodio circoscritto all’edizione 2015 della fiera di Sant’Antonino. Anche in passato, infatti, tutti hanno visto gli ambulanti abusivi agire in modo indisturbato. E tutti sappiamo che fanno lo stesso tanto in occasione dei mercati settimanali, quanto in giornate qualunque. Senza citare nuovamente l’elenco di episodi di degrado e delinquenza che affliggono il quartiere di Porta Galera, ricordiamo anche il fenomeno dei “parcheggiatori” abusivi. È bene evidenziare, dunque, che quanto si è verificato per la festa di Sant’Antonino non è dovuto all’astensione dal lavoro dei vigili urbani, ma ad un preciso disegno politico: a Piacenza manca appunto la ferma volontà di combattere l’illegalità. La polizia municipale, che esegue le direttive dell’amministrazione, non ha colpe. Piacenza – aggiunge Zandonella - non ha bisogno di rassicurazioni o di perlustrazioni saltuarie, ma di interventi sistematici di sequestro delle merci, spesso contraffatte, vendute da chi è sprovvisto di licenza. Solo così si potrà dare un sostegno ai commercianti onesti che osservano le regole».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento