menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Papamarenghi, Palmizio e Callori

Papamarenghi, Palmizio e Callori

«È il momento di una ristrutturazione della dirigenza di Forza Italia»

Anche tredici amministratori locali "sfiduciano" il coordinatore regionale di Forza Italia Massimo Palmizio, i vice Borsarelli e Callori e il coordinatore provinciale Papamarenghi

«Nei giorni scorsi abbiamo assistito ad un coro di sfiducia nei confronti dei vertici regionali di Forza Italia, trasversale a tutta l'Emilia Romagna, a cui, anche qui a Piacenza, si sono unite voci di eletti esponenti del partito, come le consigliere provinciali, Gloria Zanardi e Paola Galvani, il capogruppo in consiglio comunale, M.Lucia Girometta, nonché numerosi altri rappresentanti, consiglieri comunali ed assessori, del territorio provinciale.  Non possiamo che condividere ed associarci alle loro considerazioni e ci rammarichiamo alquanto che, ad oggi, nonostante la palese insofferenza manifestata dai territori, né il coordinatore regionale, Massimo Palmizio, né i due suoi vice, Borsarelli e Callori, né tanto meno il coordinatore provinciale piacentino, Papamarenghi, abbiano speso mezza parola, invitando ad un'aperta discussione i “ribelli”, giustificando le proprie scelte, o anche solo per difendersi. Solo un silenzio assordante.

Ancora una volta è stato dimostrato come dialogo, confronto e condivisione siano termini non inclusi nel vocabolario dell'attuale dirigenza del partito, che vuole imporre ordini dall'alto, che incidono sui singoli territori, senza preoccuparsi delle conseguenze pratiche e concrete che alcune scelte comportano. Noi siamo per la concretezza per il perseguimento del bene comune, a servizio dei cittadini. Cerchiamo di lavorare quotidianamente per il nostro territorio, stando a contatto con le persone, investendo tempo, energia ed impegno, senza farci influenzare da certe dinamiche di potere che poco importano.

I cittadini si allontanano dalla politica perché sono stufi di dovere assistere alla spartizione delle poltrone; i cittadini si aspettano che i politici scendano nelle piazze, si sporchino le mani e non si limitino alle passerelle durante le campagne elettorali, ma che conoscano e tocchino con mano i loro problemi quotidiani. Le esperienze degli ultimi mesi, locali e nazionali, ci portano a pensare che sia il momento di una ristrutturazione all'interno di Forza Italia della classe dirigente, un rinnovamento che porti giovamento sia al processo di rigenerazione del partito nelle varie province, sia al rapporto con gli alleati di centrodestra, convinti che con interlocutori pragmatici e leali si riesca a trovare un'unione più affiatata».

Giovanni Malchiodi – Sindaco di Ferriere

Federico Beccia – Sindaco di Ottone

Stefano Giorgi – Assessore di Rottofreno

Paolo Scaglia – Vicesindaco di Ferriere

Sergio Covati – Vicesindaco di Coli

Paolo Toscani – Assessore di Ferriere

Adele Repetti – Assessore di Coli

Paolo Bergonzi – Consigliere comunale Pontenure

Bernardo Baccanti – Consigliere comunale Castell'Arquato

Monica Pietrasanta – Consigliere comunale Nibbiano

Chiara La Guzza – Consigliere comunale di Ferriere

Erminio Crenna – Consigliere comunale di Ferriere

Silvano Molinelli – Consigliere comunale di Ferriere 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino altri 62 casi e otto decessi

  • Cultura

    Viaggio in anteprima nella sezione Archeologica restaurata del Farnese

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento