Il Pd sul nucleare: «Tutto il centrodestra lo vuole, ma non in casa propria»

Parte dal municipio di Caorso la campagna del Pd contro il ritorno all'energia dell'atomo. Presenti Errani, il candidato per la Lombardia Penati e il segretario regionale Bonaccini. Duro l'affondo al Pdl: «Tornare al nucleare è una loro decisione unilaterale. Sono tutti d'accordo finchè stanno a Roma, ma nessuno, poi, lo vuole in casa propria»

Penati e Errani
«Il nucleare? Sono tutti d'accordo finchè si tratta di parlare a Roma. Poi, quando bisogna metterselo in casa, tutti si tirano indietro». E' duro l'affondo di Vasco Errani, presidente della Regione Emilia Romagna e candidato alla riconferma, sulle politiche dell'energia dell'atomo da parte del governo. Critiche, le sue, corroborate in sponda lombarda dal presidente della Provincia di Milano Filippo Penati: «Formigoni ha detto di essere favorevole al nucleare. Ma non si può essere servi a Roma e "paladini" dell'autonomia lombarda a Milano, dicendo di aver raggiunto quasi l'autosufficienza energetica».

«UNA DECISIONE UNILATERALE» - I due esponenti di spicco del Pd hanno raggiunto questo pomeriggio il municipio di Caorso da dove è partita la campagna dei Democratici contro il ritorno al nucleare. Presenti anche i candidati per le Regionali piacentini, Patrizia Calza, Marco Carini e Paolo Botti. Continua Errani: «La decisone del governo di rifare delle centrali è stata unilaterale, senza consultare i Comuni o le Regioni. In realtà manca un vero e proprio piano energetico. E poi tra loro manca comunicazione: sì all'idea del nucleare, ma nessuno la vuole sul proprio territorio».

FOTOVOLTAICO NEL FUTURO - La politica in materia energetica, invece, è tracciata da Stefano Bonaccini, segretario regionale del Pd. «Nel nostro programma l'Emilia entro il 2013 diventerà la prima regione in Italia per produzione di fotovoltaico. Svolteremo con forza verso la green economy, che sarà il pilastro del futuro. La gente si mobiliterà a tappeto contro il nucleare: e in questa fase anche gran parte dell'elettorato del centrodestra è in confusione».

ERRANI E IL VINO "ANTINUCLEARE" - Simpatico sipario, all'inizio del convegno, con Errani che ha firmato la petizione "boiardiana" contro il nucleare, e preso una bottiglie del vino nato dalla raccolta firme "antinucleare". Penati, tra le altre cose, ha inoltre aspramente criticato l'attuale presidente della Regione Lombardia Formigoni in materia di inquinamento atmosferico, per non aver saputo "coordinare" al meglio, dalla Regione, gli interventi a Milano.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento