Fratelli d'Italia attacca: «Dosi non ha saputo rimediare agli errori di Reggi»

Foti e Opizzi

«Non si è mai vista un'amministrazione comunale che per 14 giorni sta in silenzio su un tema tenuto segreto e poi convoca improvvisamente una conferenza stampa: doveva prima comunicare tutto ciò in consiglio comunale". Colpiscono duro l'amministrazione del sindaco Paolo Dosi i due consiglieri comunali di Fratelli d'Italia, Tommaso Foti e Erika Opizzi.

«Gran parte dei rilievi riguardano l'amministrazione Reggi, ma anche l'attuale - spiega Foti -. Leggendo tra le carte si può vedere come dal 2004 a oggi non è stata preso nessun provvedimento per ridurre la spesa del personale in servizio, come invece sarebbe previsto dalla finanziaria del 2005 in avanti. Anzi, le spese negli anni aumentano, ad esempio sul 2007 i dipendenti e dirigenti ci sono costati di più rispetto all'anno precedente". Il consigliere comunale evidenzia qualche passaggio della relazione. «Non hanno garantito entrate corrette dall'esterno, hanno in organico diversi precari che non intendono assumere nonostante norme precise al riguardo. La cosa più grave chiama in causa i dirigenti che -  fa notare l'ex onorevole, sono coloro che gravano maggiormente sulla spesa del personale -, a cui sono stati affidati incarichi violando diverse procedure. Addirittura nel documento della ragioneria di stato si parla di "criteri politici per la scelta dei dirigenti" senza che vengano tenute in considerazione le procedure dei concorsi. Le amministrazione Reggi e Dosi hanno eluso le norme di contenimento della spesa per il personale in questi anni. La relazione - prevede Foti - sarà sicuramente occultata e spiegata in altro modo nei prossimi giorni».

Anche l'altro consigliere di Fratelli d'Italia, Erika Opizzi, rincara la dose sulla vicenda degli otto rilievi osservati dalla ragioneria di stato sul comune capoluogo: «Reggi e la sua fotocopia Dosi sono come Renzi a Roma: diversi proclami di trasparenza per buttare fumo negli occhi. Il sospetto che ci fossero nomine dirigenziali superficiali' noi della minoranza ce l'avevamo. Qualcuno diceva che pensavamo male, ma ora il ministero ci da' ragione". Il comune non e' chiamato formalmente a intervenire sulla situazione, ma per Fratelli d'Italia occorre porre rimedio al più presto. "E' gravissimo non bandire concorsi a causa di favoritismi politici. La gente in questo momento chiede trasparenza e loro ci tengono nascoste per giorni queste cose: la gente deve sapere, si sta parlando di spese che gravano sul bilancio».

Opizzi sottolinea come nell'arco di questo tempo, dal 2007 a oggi, si siano cambiati tre segretari comunali e ora non ve ne sia alcuno da gennaio. «Con che criterio sono stati scelti i precedenti segretari? - dichiara il consigliere -. E' una figura importante che deve avere competenza, altrimenti il consiglio comunale va allo sbando. Tutti questi sono errori di Reggi a cui Dosi non ha mai posto rimedio».
«Chiediamo subito la convocazione del consiglio comunale su questo tema - tuona Foti -, per prendere immediatamente decisioni al riguardo. Come mai la responsabile del personale, dopo tanti anni, e' stata mandata via qualche tempo fa? Forse per fare tutte queste nomine?».
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento