Il Comune di Piacenza esce dalla rete "gay friendly"

La richiesta della Lega Nord è stata accolta dalla Giunta: il Comune di Piacenza non fa più parte di “Re.A.Dy”, la rete antidiscriminatoria per l’orientamento sessuale e per l’identità di genere

Nel luglio 2013 il Comune di Piacenza entrò a far parte di “Ready”, la rete nazionale delle amministrazioni pubbliche anti discriminazioni per l'orientamento sessuale e identità di genere, progetto dell'ufficio pari opportunità. Alla rete hanno aderito nel corso di questi anni sempre più comuni. Ora, a distanza di quattro anni, Piacenza si sfila. Lo ha deciso nel pomeriggio del 5 ottobre la Giunta comunale. La proposta è stata suggerita dal gruppo consiliare della Lega Nord e portata avanti dall’assessore alla famiglia, in quota Lega, Massimo Polledri. Il centrodestra non aveva visto di buon occhio l'ingresso del capoluogo nella rete: arrivati a guidare l'Amministrazione, il tema è riemerso e la Giunta ha dato il suo ok all'uscita dal protocollo. «La rete in questi anni – commenta l’assessore Polledri – si è contraddistinta per aver propagandato progetti di educazione sessuale che si basano sull’ideologia gender. A nostro giudizio interveniva in un campo in cui si dovrebbe privilegiare l’autonomia educativa della famiglia». Polledri, nel 2013 con il centrodestra all'opposizione, si era battuto in Consiglio comunale nel 2015 contro un progetto di educazione sessuale promosso nelle scuole elementari dell'Emilia-Romagna. 

Ready è nata nel 2006 in Italia e la sua finalità è di individuare, condividere e promuovere politiche di inclusione sociale per le persone LGBT, contribuire alla diffusione di buone prassi su tutto il territorio nazionale e supportare le Pubbliche Amministrazioni locali nella realizzazione di attività rivolte alla promozione e al riconoscimento dei diritti delle persone LGBT (persone  lesbiche, gay, bisessuali e transessuali/transgender). RE.A.DY ha sede presso il Comune di Torino il quale dal 2001 ha istituito all'interno del Servizio Pari Opportunità e Politiche di Genere un servizio di tutela dei diritti delle persone omosessuali e transessuali per creare un clima di rispetto e di dialogo, libero da pregiudizi legati a condizionamenti sociali e culturali. Il Comune di Piacenza, pur non avendo alcun servizio specificatamente dedicato, attraverso l'Ufficio Pari Opportunità ha iniziato un percorso, in collaborazione con associazioni locali come Arcigay e Agedo, la cui finalità era quella di creare incontri e occasioni di ascolto per il superamento di discriminazioni ed esclusioni indirette. La Giunta ha però preferito abbandonare la rete. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento