Immigrazione, Zandonella (Lega): «Basta spot, Cugini si rivolga ai vertici del Pd»

il segretario cittadino della Lega Nord Luca Zandonella interviene sul gesto dell’assessore Stefano Cugini, che ha accompagnato a Milano un diciassettenne albanese nell’intento di riconsegnarlo al proprio consolato

«Una volta constatato che Piacenza si è trasformata in un anomalo punto di ricezione di minori extracomunitari non accompagnati, l’assessore comunale al Welfare ha forse provato ad analizzare le cause del fenomeno con i vertici nazionali del proprio partito? Perché se i membri del Partito Democratico prendessero seriamente in esame l’andamento migratorio, si renderebbero conto che l’accoglienza oltranzista è ingestibile». Così il segretario cittadino della Lega Nord, Luca Zandonella, che interviene sul gesto dell’assessore Stefano Cugini, il quale l’altro giorno ha accompagnato a Milano un diciassettenne albanese nell’intento di riconsegnarlo al proprio consolato.

«Nella denuncia di Cugini – attacca l’esponente del Carroccio - desta clamore il riferimento al “flusso anomalo di ragazzi soprattutto albanesi ed egiziani, quasi sempre prossimi alla maggiore età, spesso problematici e violenti”, una dichiarazione che così pronunciata potrebbe facilmente essere attribuita ad un leghista. Se detta infatti da un esponente del nostro movimento non sarebbero mancate le accuse di razzismo, che non si leveranno però in questo caso. Noi della Lega vediamo questa frase piuttosto come un’ammissione della realtà, forse perché lavorando a contatto con queste persone Cugini ha potuto scoprire il rovescio della medaglia. All’assessore – prosegue Zandonella - non rimane ora altro che riconoscere che un governo serio respingerebbe i finti profughi e chi entra illegalmente in Italia, come propone la Lega da tempo, perché allo stato attuale delle cose gli stranieri sono consapevoli della possibilità di varcare i nostri confini per trascorrere un lungo periodo di soggiorno in hotel grazie alle politiche del Partito Democratico. O, se minorenni non accompagnati, in affidamento ai servizi sociali dei comuni. Cugini eviti dunque i piagnistei e le azioni clamorose concordate con la stampa, che sanno di spot elettorale, e insieme agli amministratori locali porti il tema dei risvolti dell’immigrazione selvaggia sui tavoli della segreteria del partito e del governo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento