L’Ufficio delle piccole cose e la Casa della città: due proposte di Paolo Rizzi

Dall’attenzione al decoro urbano a un luogo in cui “vedere” e discutere i grandi progetti per la città

Pianificazione di grandi progetti che cambieranno il volto di Piacenza in uno dei periodi storici più favorevoli a questo cambiamento, ma anche attenzione alle piccole cose in modo che ogni piacentino - giovane, anziano o bambino - “senta” la sua città come una casa.  E’ da questa impostazione, che unisce una visione necessariamente di ampio respiro a una più focalizzata sulle necessità di tutti i giorni, che nasce l’idea dell’“Ufficio delle piccole cose”. Un’idea che il candidato sindaco Paolo Rizzi ha voluto introdurre nel suo programma e che a sua volta si inserisce nel più ampio contesto dell’attenzione al decoro urbano.  Un tema cruciale, questo del decoro; un tema che Rizzi declina in vari modi compreso quello della sicurezza: più la città è bella e più tende ad essere frequentata in modo sano e quindi ad essere più sicura. Massima attenzione alla bellezza di Piacenza, dunque, e non per vezzo ma perché bello significa buono.

«Vogliamo una Piacenza amica - spiega il professore della Cattolica ed economista - Tutti i piacentini dovranno trovare nel Comune un’istituzione che rende facili i rapporti con il governo della comunità». E in quest’ottica ogni cosa è importante, anche quelle apparentemente più insignificanti. «L’organizzazione del Comune dovrà mostrare la massima attenzione per le “piccole cose” - dice Rizzi - e cioè i problemi segnalati dai cittadini che dovranno essere affrontati tempestivamente e risolti dedicando risorse specifiche ma coinvolgendo anche il volontariato e puntando in generale sul senso civico di tutti».  E parlare di decoro e funzionalità delle varie aree della città significa anche, nel 2017, parlare di tecnologia: «Dovremo sfruttare fino in fondo le opportunità delle nuove tecnologie - dice il candidato - attraverso una connessione wi-fi gratuita e di qualità in tutti gli spazi pubblici, incluse le periferie e le frazioni».  E ancora: «Sarà necessario dotare l’Urban Center, presso la Facoltà di Architettura, di nuove funzioni di Ricerca e sviluppo nel settore dell’urbanistica e della qualità urbana e dovrà essere un luogo di partecipazione permanente della cittadinanza».  «Vogliamo costruire la Casa della città (laboratorio urbano) - dice Paolo Rizzi - come strumento privilegiato al servizio delle politiche urbane e culturali in grado di coinvolgere tutti i cittadini. Questa struttura, da localizzare nell’ex Chiesa del Carmine in via di Recupero, ci permetterà di sperimentare nuove forme di democrazia partecipativa e deliberativa, finalizzata alla costruzione condivisa delle linee guida delle politiche urbane». L’idea di Rizzi è un nuovo spazio nel quale saranno visibili con plastici e fotografie le aree in via di riqualificazione. Lo scopo è discuterne insieme e scegliere i progetti più utili alla vita collettiva. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento