Mazzoni: «Forza Italia in queste condizioni non può affrontare le Elezioni»

Le critiche di Carlo Mazzoni a Fabio Callori: «Forza Italia non ha una sede, né un coordinamento locale sul territorio: è solo un movimento di 4 dirigenti eletti da nessuno»

Carlo Mazzoni

«Finalmente – scrive in una missiva rivolta al nostro giornale lo storico esponente di Forza Italia Carlo Mazzoni - qualcuno ha organizzato e nella fattispecie gli amici dell'Associazione Liberali Piacentini,  un'occasione di dibattito sul futuro del centrodestra, per provocare le ire di chi rappresenta oggi sul territorio Forza Italia. Non si capisce La reazione scomposta ed immotivata di Fabio Callori (per di più mi risulta assente al dibattito e, quindi, ignaro dei contenuti dello stesso) dirette nei confronti di Tommaso Foti, unico alleato da sempre di Forza Italia dal 1994 ad oggi ed unico segretario provinciale del PdL che raggruppava in un unico movimento tutte le anime del centro destra italiano (compresa forza Italia). Differente è stato in questi anni il rapporto con la Lega che si è alleata con Forza Italia in fasi alterne e si spera che il nuovo segretario emiliano Gianluca Vinci  dia  un impulso collaborativo alla segreteria provinciale di Piacenza al fine di evitare le alleanze di comodo viste in questi anni e visto l' articolo uscito nei giorni scorsi  a firma di un dirigente della lega di Castel San Giovanni ci sembra di cattivo gusto e oltre che offensivo rispetto ai dirigenti dell'Associazione dei Liberali Piacentini che hanno organizzato finalmente un incontro politico.

Arrivare a polemizzare per un titolo del giornale, senza neppure addentrarsi nella lettura dell'articolo ad esso riferito, dal quale emerge chiaramente che gli on. Guidesi (Lega Nord) e Foti (Fratelli d'Italia) di tutto si sono occupati tranne che delle elezioni in alcuni comuni della provincia di Piacenza, rappresenta la più chiara conferma dell'inadeguatezza dell'attuale classe dirigente locale di Forza Italia. Qui si nota la differenza tra i leader nazionali del centro destra italiano ed in primis il presidente Berlusconi  con i rappresentanti locali di forza Italia. A livello nazionale si cerca in mezzo a mille difficoltà di trovare una mediazione per presentarsi uniti, unica possibilità di battere la sinistra mentre a Piacenza si minaccia la spaccatura del centro destra per garantire una vittoria sicura della sinistra. È questa la lungimiranza e la leadership di Forza Italia a Piacenza!?!? Ma anche se si volesse fare questa scelta suicida come potrebbe la Forza Italia di oggi correre da sola dopo le affermazioni del segretario regionale vicario Callori che afferma di avere in tutto tre coordinatori comunali sul territorio provinciale( Castel San Giovanni, Monticelli e Fiorenzuola) dei quali due non sono neppure interessati alle elezioni della prossima primavera?

 Sono stato uno tra i fondatori di Forza Italia a Piacenza dal 1994, ho ricoperto per vari anni  incarichi dirigenziali sia  in Forza Italia che nel PdL, sono stato consigliere comunale ed assessore al comune di Piacenza e vi garantisco che fino a poco tempo fa il partito non aveva coordinatori comunali in provincia di Piacenza, solamente in tre o quattro comuni sotto i 1.000 abitanti. Oggi viene certificata - dal vice coordinatore regionale - l'inesistenza di una struttura di collegamento con i militanti e gli eletti in quasi tutti i comuni della provincia di Piacenza, capoluogo compreso!!! Forza Italia non ha una sede provinciale, non ha gli organismi che ogni movimento politico dovrebbe avere per fare emergere le linee e le indicazioni di un movimento legato con il territorio e alla luce delle dichiarazioni di Callori   a Piacenza  Forza Italia si è ridotta ad essere un movimento con quattro dirigenti, per di più non eletti ma nominati da un coordinatore Provinciale anch'esso nominato dalla segreteria regionale. A gran voce chiedo che gli iscritti gli eletti ed i simpatizzanti di Forza Italia abbiano la  possibilità di tornare a fare politica  di poter eleggere in un congresso i propri rappresentanti locali, altro che fare gli offesi per l'espressione ("Forza Italia batta un colpo") mai pronunciata da alcuno degli intervenuti al dibattito in questione. E’ il momento di lavorare per ricostruire un movimento che in questi ultimi mesi è sparito dallo scenario politico provinciale.  Anziché imbastire inutili polemiche con gli alleati, contando sul gioco di sponda di qualche alleato in cerca di notorietà, il collega Callori si chieda se con un partito così ridotto sia possibile affrontare le elezioni del comune di Piacenza il prossimo anno. Gli risparmio la fatica: NO, NO e poi ancora NO!!! Ma io credo che a Piacenza nel 2017 si può vincere se lavoriamo come i leader nazionali e  tra tante difficoltà dobbiamo lavorare per trovare le giuste mediazioni per presentarci compatti per sconfiggere la sinistra che in questi anni a Piacenza non ha certamente brillato evitando le polemiche che non fanno altro che rafforzare i nostri avversari. Solo così Forza Italia può rinascere dalle sue ceneri». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento