Movimento studentesco padano: «Gli autobus ritornino in piazza Cittadella»

Movimento studentesco padano: «Lo spostamento del capolinea degli autobus in via dei Pisoni è l'ulteriore testimonianza di un'amministrazione comunale che porta avanti politiche lontane dalle esigenze dei cittadini»

«Lo spostamento del capolinea degli autobus in via dei Pisoni è l'ulteriore testimonianza di un'amministrazione comunale che porta avanti politiche lontane dalle esigenze dei cittadini» denuncia il Movimento Studentesco Padano di Piacenza. «A rimetterci, stavolta, sono gli studenti, in particolar modo quelli residenti in provincia - spiega Thomas Trenchi, coordinatore provinciale Msp -. Ci sono arrivate tantissime segnalazioni di giovani arrabbiati, che si sentono presi in giro. Infatti, oltre all'elevato costo dell'abbonamento e ai mezzi degradati ed insicuri, ora, una volta usciti da scuola, dovranno prendere una navetta sovraffollata per raggiungere la nuova autostazione, rischiando di perdere le coincidenze. Inoltre, tale spostamento provoca un ritardo nelle partenze, comportando una perdita di tempo non indifferente nella vita di uno studente, che cerca spesso di conciliare tempo libero e studio. Le navette che partono ogni cinque minuti e le corriere che, una volta arrivare in Piazza Cittadella,  devono far ritorno alla Lupa, comportano molto più traffico rispetto a prima, quindi maggior inquinamento - aggiunge Marvin Di Corcia, coordinatore Msp Emilia-. Anche dal punto di vista del commercio, gli esercenti della zona si sono lamentati: i giovani erano l'ossigeno delle loro attività, ed ora si trovano più isolati di prima. Chiediamo all'amministrazione di fare un passo indietro, permettendo nuovamente agli autobus di passare in Piazza Cittadella negli orari di uscita delle scuola, così da contenere il disagio degli studenti».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Per 30 anni in prima linea, il 118 piange Antonella Bego. «Perdiamo una professionista e un'amica»

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

Torna su
IlPiacenza è in caricamento