Polledri: Fini come la sinistra, al centro l'individuo onnipotente

La lettera del parlamentare piacentino Massimo Polledri ai giornali. Fini? “Partecipa a una festa del principale partito dell’opposizione, se ne infischia del suo ruolo super-partes ed è applaudito e osannato dalla platea”. Sul testamento biologico: “pensiamo a curare i pazienti, invece di elaborare strategie per accelerarne la morte”

Torna a scrivere ai giornali, Massimo Polledri, parlamentare piacentino della Lega Nord. E lo fa lanciando il suo j'accuse a Gianfranco Fini, che come i suoi avversari politici “pone al centro l’individuo onnipotente, che può decidere della vita e della morte”. Poi partecipa pubblicamente a Genova alla festa dell'opposizione , bypassando il suo “ruolo super-partes”. Ecco il testo integrale, nel quale Polledri non manca di ribadire la posizione del Carroccio sul testamento biologico: “la vita non è né rossa né nera. Pensiamo a curare i pazienti, invece di elaborare strategie per accelerarne la morte”.

Egregio Direttore,
che cosa accomuna il presidente della Camera, Gianfranco Fini e i suoi avversari politici?
E’ la stessa cultura “pro-choice” che pone al centro l’individuo onnipotente, che può decidere della vita e della morte del frutto di un concepimento o decidere quando la vita è indegna di essere vissuta.

Augusto Del Noce aveva visto lontano: l’ideologia di massa del marxismo si è spenta nel radicalismo.
Per Fini, invece, la svolta è nel segno di un ritorno alle origini, al fascismo gaudente di Fiume, che per un certo periodo tollerò pure i matrimoni fra gay. E’ l’ultimo rimasuglio delle ideologie del ‘900. Alla fine ciò che rimane di ogni estremismo politico è un radicalismo libertario (e libertino) di massa.

Ecco svelato il paradosso di Genova: la terza carica dello Stato partecipa a una festa del principale partito dell’opposizione, se ne infischia del suo ruolo super-partes ed è applaudito e osannato dalla platea.
Paradossi di un presidente della Camera che, in altre parole, si schiera pubblicamente con una parte del Parlamento che comprende l’intera sinistra.

Ai residuati della cultura pro-choice – centralista e autoritaria – la Lega oppone una visione “pro-life”, federalista e liberale, che garantisce il rispetto della vita, considerata come intangibile dallo Stato e dai giudici, che non possono reclamare alcun tipo di potestà né sulla proprietà né, tantomeno, sull’esistenza.

Nel centrodestra, a parte qualche sporadico retaggio nostalgico, prevale questa visione. Fini, al contrario, sa di piacere agli avversari perché sulla laicità e sull’immigrazione parla con un linguaggio a loro più famigliare e che deriva dallo stesso sostrato totalitario. Per noi, diversamente, la vita è sacra ed è un bene indisponibile. Per questo il testo uscito dal Senato sul testamento biologico è equilibrato, dettato dal buon senso e dal rispetto per la vita umana.  Le disposizioni in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari licenziate da palazzo Madama impongono un secco “no” alla sospensione di alimentazione e di idratazione artificiali, prevedono che la dichiarazione anticipata di trattamento non sia obbligatoria e comunque non vincolante e impongono a questa un limite di validità fissato a 3 anni.

Da parte loro le Regioni dovranno assicurare l'assistenza domiciliare ai soggetti in stato vegetativo permanente. Il mio auspicio è che, in vista della ripresa dei lavori parlamentari, sul tema si evitino le contrapposizioni ideologiche. La vita non è né rossa né nera. Pensiamo a curare i pazienti, invece di elaborare strategie per accelerarne la morte. Il rischio è la caduta in forme di eutanasia mascherate.
Massimo Polledri
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento