«Roncaglia territorio fragile, bisogna avere il coraggio di invertire la rotta sulla logistica»

Gloria Zanardi (Gruppo Misto) sulla variante de i Dossi di Roncaglia: «La tutela dell'ambiente e della salute sono priorità non negoziabili. L'amministrazione ci ripensi»

Gloria Zanardi

Anche la consigliera comunale del Gruppo Misto interviene nel dibattito sulla variante di Roncaglia, che porterà alla realizzazione di un maxi capannone da 76mila metri quadrati per la logistica. «Una variante urbanistica, quella de i Dossi di Roncaglia – commenta Zanardi - che porterà pregiudizi ai cittadini della zona, ma anche di tutta la città. Il settore della logistica è sempre stato importante per lo sviluppo economico di Piacenza, ma la tutela dell'ambiente e, conseguentemente, della salute dei cittadini sono priorità non negoziabili. Piacenza, già soffocata dall'inquinamento, non ha sicuramente bisogno di nuovi insediamenti che peggiorano la qualità dell'aria e della vita dei cittadini; le frazioni della città, e non solo Roncaglia (ad esempio anche Montale), sono ormai congestionate dal traffico dei mezzi pesanti per la massiccia presenza della logistica e non basta qualche opera di compensazione o qualche asfaltatura per controbilanciare gli effetti negativi che deriveranno dalla realizzazione di questi progetti.

Non mi pronuncio sui battibecchi tra la maggioranza e le altre minoranze di questi giorni; a mio parere credo che spostino solo l'attenzione da una questione reale a scontri personali, oltre che politici, a tratti imbarazzanti. I cittadini desiderano che le loro istanze vengano prese in considerazione e vogliono risposte. L'interesse primario è il bene della collettività e non credo che la variante de i Dossi di Roncaglia vada in questa direzione soprattutto dal punto di vista dell'impatto ambientale, della salute, oltre ai danni collaterali della cementificazione in sé in un territorio fragile come quello in questione. Una discussione, seppur non formalmente dovuta, in consiglio comunale sarebbe stata sicuramente opportuna per permettere di portare, anche in sede istituzionale, la voce dei cittadini di Roncaglia e potere instaurare un confronto maggiormente costruttivo. In ogni caso, non ci si perda (tutti) nel ricercare a chi imputare questa scelta, ci si concentri sull'oggi. Il mio invito all'amministrazione è quello di non sottovalutare le legittime istanze dei cittadini, di analizzare bene tutte le ripercussioni – negative – sulla qualità della vita dei piacentini che comporterà la realizzazione di questo progetto e di avere il coraggio di invertire la rotta».

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Legge 104: chi può richiederla e come fare domanda

  • Cuocere i cibi in lavastoviglie: non solo moda, ma ecologia e convenienza

  • Guida ai detersivi alla spina: perché comprarli e dove

I più letti della settimana

  • Schianto fra Tir in A21, gravissimo un uomo. Autostrada chiusa e 12 chilometri di coda

  • 'Ndrangheta: arrestato il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Caruso

  • Pestate in casa da cinque rapinatori incappucciati, due donne all'ospedale

  • Caruso alla cena della 'ndrangheta: «Ogni uomo ha un prezzo»

  • Trovato alla guida ubriaco fradicio alle 10 di mattina, denunciato 

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard-rail, 24enne all'ospedale

Torna su
IlPiacenza è in caricamento