rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Politica

Sbloccato il conto corrente della Lega Nord piacentina

Svuotato il conto del Carroccio piacentino dopo la sentenza di condanna (in primo grado) di Umberto e Renzo Bossi e Francesco Belsito

Su quel conto c'erano solo poche centinaia di euro, utili per l'attività del partito. Ora è stato sbloccato e tutto ritorna alla normalità, però quei soldi non ci sono più. E' stato ripristinato nelle scorse ore l'uso del conto corrente della Lega Nord piacentina: era stato bloccato dai pm di Genova in seguito alla sentenza di primo grado sulle presunte irregolarità nell’utilizzo di fondi pubblici: a luglio è arrivata infatti la condanna in primo grado dell’ex tesoriere Francesco Belsito, di Umberto Bossi e di suo figlio Renzo. Il partito deve restituire una cifra importante: 48 milioni di euro. I giudici hanno deciso di "stoppare" alcuni conti corrente locali del Carroccio, per recuperare una parte dei soldi dovuti allo Stato. Tra i primi ad essere bloccati, i conti di Emilia, Trentino, Bergamo, Imperia, Sanremo e Savona. Tra quelli della Lega Nord Emilia c'era pure Piacenza, su cui confluivano i soldi dei militanti. Ora il conto è a zero ma è stato riconsegnato alla Lega Nord piacentina, che può così tornare alla normalità. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sbloccato il conto corrente della Lega Nord piacentina

IlPiacenza è in caricamento