Lega Pro, il Piacenza prova a fare le scarpe al Tuttocuoio

Dopo il tris di vittorie contro Cremonese, Olbia e Pistoiese che hanno spinto il Piacenza nelle zone nobili della classifica, i biancorossi provano a scalare ulteriormente la graduatoria contro l'abbordabile Tuttocuoio

Dopo il tris di vittorie contro Cremonese, Olbia e Pistoiese che hanno spinto il Piacenza nelle zone nobili della classifica, i biancorossi provano a scalare ulteriormente la graduatoria contro l’abbordabile Tuttocuoio, formazione forte in campionato ma calata vistosamente nelle ultime uscite. Tecnico della formazione nero verde è Luca Fiasconi, uno dei tecnici più giovani di tutta la categoria; il trentanovenne mister e’ alla seconda stagione dopo aver preso le redini del Tuttocuoio direttamente dalla Beretti alla penultima giornata dello scorso campionato, due vittorie consecutive che hanno evitato i play out dopo un girone di andata chiuso a metà classifica con Cristiano Lucarelli in panchina, esonerato dopo una seconda parte in caduta libera. In questa stagione il club di Ponte a Egola, piccola frazione del comune pisano di San Miniato e così chiamata per la zona ad alta densità di lavorazione del cuoio, si è ulteriormente ringiovanita con l’arrivo di Mulas dal Parma, Tempesti dall’Empoli, Zenuni dal Torino e Provenzano dal Pisa; stella della formazione è l’attaccante georgiano Irakli Shekiladze (Empoli in A e Latina in B) con 8 reti nella passata stagione e già 4 in quella presente, punta di diamante del 4-3-1-2 con cui Fiasconi schiera i suoi ragazzi. Nocchi in porta ( Juve Stabia, Carpi e Padova in B);  difesa a destra con Mulas (settore giovanile del Siena e Parma in D), coppia centrale rodata con Bachini (da tre anni dal Tuttocuoio), e Falivena ( da 5 anni in nero verde) mentre a sinistra spinge Picascia (Taranto, Foggia e Cavese in D), più esperto centrocampo a tre con Provenzano a sinistra (Pisa, Siracusa in C), Caciagli centrale (Poggibonsi, Cuoiopelli e Bassano in C1) e Berardi a destra (settore giovanile della Fiorentina e Pordenone), in avanti a completare il terzetto giocano Tempesti (ancora a secco in stagione) e Zenuni (settore giovanile del Torino) in alternativa a Masia (Grosseto e Melfi in C). Squadra toscana partita molto bene in campionato con 8 punti e 6 reti segnate nelle prima 4 giornate ma poi improvvisamente scivolata con un solo punto nelle successive (con soli tre gol) ed una classifica che al limite del play-out. Per il Piacenza, che dovrà rinunciare con tutta probabilità a Matteassi, la concreta possibilità di incrementare un bottino già consistenza , a patto di un corretto approccio al match ed una intensità di gioco superiore ai recenti ultimi due incontri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Irenfutura, 13 posizione aperte in Emilia per lavorare con Iren

Torna su
IlPiacenza è in caricamento