Con la pubblicazione degli atti del convegno 2018 concluso il ciclo di studi sulla Grande Guerra

A Palazzo Galli della Banca di Piacenza presentato il volume dedicato a Giuseppe Manfredi e alla fine del conflitto

Sforza Fogliani e Gionelli

Il comitato di Piacenza dell’Istituto per la Storia del Risorgimento ha chiuso il ciclo di studi sulla Prima Guerra Mondiale presentando - a Palazzo Galli della Banca di Piacenza - gli atti del convegno dello scorso anno (il quarto dedicato alla Grande Guerra) incentrato sulla figura di Giuseppe Manfredi e sulla fine del conflitto. «Quattro volumi - ha sottolineato il presidente dell’Istituto Corrado Sforza Fogliani - di studi originali, come siamo soliti fare, su di un conflitto dopo il quale nulla sarebbe più stato uguale a prima. E lo si può constatare andando a rileggersi le memorie di Antonio Salandra, che da presidente del Consiglio cambiò le alleanze (dalla Triplice all’Intesa) e decise di entrare in guerra. Una decisione che spiegò così: per salvare la dignità dell’Italia; per avere nuovi confini (di terra e di mare) più sicuri rispetto a quelli imposti dopo la III Guerra d’Indipendenza; per dare al nostro Paese una posizione definita all’interno del Mediterraneo».

«La Grande Guerra - ha proseguito l’avv. Sforza - ha sconvolto la geografia mondiale con la caduta degli imperi centrali e ottomano. I nuovi Stati sono stati delineati tracciando linee diplomatiche rette, senza tenere conto delle varie genie. Se non ci fosse stata la Grande Guerra, è facile ipotizzare che non avremmo avuto né i crimini nazisti, né i crimini comunisti e avremmo un’Italia diversa. Finì nel modo in cui finì grazie al valore delle nostre truppe, ma anche alla situazione economica dell’Austria, colpita da un’inflazione a due cifre e dall’incapacità di fornire vestiario persino all’esercito al fronte, sui monti. Noi, invece, fummo in grado di condurre a termine la guerra perché la classe politica liberale, nonostante avesse ereditato un debito pubblico enorme dagli Stati preunitari, raggiunse nel 1876 il pareggio di bilancio portando in seguito la lira a fare aggio sull’oro».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare contezza del contenuto del volume sugli atti del convegno “Giuseppe Manfredi e la fine della Grande Guerra” (realizzato con il sostegno della Banca e distribuito agli intervenuti) è stato il giornalista Robert Gionelli, che ha riassunto le nove relazioni svolte lo scorso anno, a cominciare da quella di Aldo G. Ricci, direttore emerito dell’Archivio Centrale dello Stato, sulla figura di Giuseppe Manfredi, soprattutto nelle sue vesti di senatore piacentino e presidente del Senato. Per proseguire con gli altri relatori che erano stati chiamati a trattare la fine della Grande Guerra nel Piacentino: Augusto Bottioni (argomento, i campi di concentramento di Gossolengo e Rivergaro per i prigionieri di guerra italiani rientrati dagli imperi d’Austria e Germania); Paolo Brega, che aveva ricordato la figura del deputato di Castel San Giovanni Nino Mazzoni; Paola Castellazzi, che aveva passato in rassegna i titoli dei giornali piacentini (Libertà, Nuovo Giornale e La Trebbia) sulla fine della Grande Guerra, salutata con toni trionfalistici; Fausto Ersilio Fiorentini (le ripercussioni della guerra sulla vita della Chiesa piacentina negli ultimi anni di magistero del vescovo Giovanni Maria Pellizzari); Luigi Montanari (l’attività piacentina della Lega nazionale proletaria fra mutilati, invalidi, vedove e genitori di Caduti in guerra); Massimo Moreni (il ruolo determinante del Genio Pontieri nella vittoria finale); Valeria Poli (il programma di opere pubbliche apprestato dal sindaco Enrico Ranza per il dopoguerra); David Vannucci (costituzione dello Stabilimento militare di San Lazzaro Alberoni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento