rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Attualità

«Déhor in piazzetta Plebiscito da rimuovere», 518 firme presentate in Comune

Il comitato piazzetta Plebiscito (insieme al “Fondo Ambiente e Territorio) ha promosso una petizione: «Non è un déhor ma una struttura permanente che contrasta con la piazza e il complesso religioso»

«No al dehor in piazzetta Plebiscito»: la petizione dal Comitato piazzetta Plebiscito - condivisa dal Fondo Ambiente e Territorio di Piacenza – è stata consegnata nella mattinata del 7 marzo all’Ufficio Protocollo del Comune, corredata da 518 firme di cittadini. I sottoscrittori della petizione chiedono che in piazzetta Plebiscito venga ripristinato l’assetto esistente prima che fossero abbattuti tre tigli (recentemente reimpiantati) e che venisse collocata, di fronte al palazzo di via Sopramuro 17 una struttura metallica su piattaforma, destinata a fungere da dehor del ristorante Twin Fish.

Il comitato ha presentato diverse considerazioni per motivare questa istanza. «La crescita dei tre giovani tigli messi a dimora sarà lenta – spiegano - e difficile date le condizioni ambientali. Pertanto raccomandiamo di sottoporli costantemente alle cure e interventi necessari per assicurarne un equilibrato sviluppo. L’inserimento della struttura/dehors nel piazzale sul quale prospettano il fianco della basilica di San Francesco e il braccio superstite del suo chiostro contrasta con le vigenti disposizioni comunali in materia di dehors. Non rispetta l’obbligo di conservazione e tutela delle piazze e vie storiche, sancito dal Codice dei beni culturali (D Lgs 42/2004 art. 10 comma 4 lettera g) che ammette, in tali contesti urbani, solo interventi conservativi, non di nuova costruzione».

Ma non solo. Il dehor «altera l’unitarietà del piazzale stesso e impedisce la percezione dell’intero complesso religioso. Ostruisce quasi completamente l’accesso al piazzale. Eccede il fronte del ristorante e va ad impegnare tutto lo spazio antistante al palazzo del numero civico 17, cosa possibile solo se autorizzata dal proprietario/titolare di tale immobile o gestore dell’attività limitrofa».

«La tipologia strutturale di questa costruzione – prosegue il comitato della piazzetta - è totalmente diversa da quella prevista dalle norme comunali per i dehors, che non possono avere destinazione assimilabile a quella abitativa per il loro carattere di assoluta precarietà. La struttura ha uno sviluppo in pianta, all’incirca, di oltre 20 metri per 4, è costituita da elementi portanti metallici, stabilmente ancorati a una piattaforma poggiante sulla pavimentazione del piazzale, e fronteggia l’intera facciata dell’edificio antistante. La sua rimozione comporterebbe un lungo e complesso lavoro, così come lo è stato quello di installazione. Pertanto non si tratta di un elemento rimovibile, quale un dehors, ma è evidentemente destinata ad essere permanente. Nel contesto in cui è stata inserita non è ammessa dalle norme vigenti perché è, di fatto, una nuova costruzione, come è definita dall’Allegato alla LR 15/2013 - punto g) e dalla Delibera della Giunta Regionale 28-6-2017 n. 922. Lo dimostra la pesante struttura in acciaio che necessita, per essere agibile, di un collaudo strutturale e, di conseguenza, anche di un certificato di abitabilità, esclusa e superflua invece per i dehors, proprio perché devono essere totalmente reversibili e privi di copertura fissa. Come tale non è compatibile con le norme di tutela del Codice dei Beni culturali (art. 10 comma 4 lettera g; artt. 3 e 29) e contrasta con le disposizioni del Regolamento Edilizio, che stabiliscono le caratteristiche e i limiti per la realizzazione dei dehors (art. 185. 3; 185.4 lettere b e c) sotto evidenziate con sottolineatura, e con le Linee guida per la progettazione dei dehors di cui il Comune è dotato. Per tali motivi i sottoscritti chiedono la rimozione immediata del dehors posto in piazzale Plebiscito».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Déhor in piazzetta Plebiscito da rimuovere», 518 firme presentate in Comune

IlPiacenza è in caricamento