La colonna emblema della “Tagliata” sarà restaurata dall’Ente Farnese

Fonti antiche ne testimoniano l’autenticità

FOTO DI ORESTE GRANA

Per superare la disattenzione delle Amministrazioni comunali (di ieri e di oggi) verso alcune vestigia farnesiane, documentata anche da nostri precedenti articoli, sarà l’Ente per la Valorizzazione di Palazzo Farnese a prendersi cura, pur con le sue esigue risorse sociali, delle due colonne della “Tagliata”, ossia dell’unico reperto della strategia militare a difesa della città, messa in atto dal primo duca di Piacenza. Pier Luigi Farnese con una Grida del 10 ottobre 1545, obbligava di tagliare attorno alle mura per una estensione di 500 trabucchi (1400 metri) la vegetazione, di demolire le costruzioni e spianare il suolo. La “tagliata”, il cui confine era contrassegnato da un circuito di colonne, aveva lo scopo di mantenere la visuale dalle mura completamente libera per poter avvistare l’arrivo di contingenti armati, di cavalieri e di chiunque si avvicinasse alla città.  

1a - La  Tagliata-4

L’immagine - particolare della mappa, segnalataci in altra occasione dall’arch. Valeria Poli: ASPr, mappe e disegni, vol. 31, autore Paolo Bolzoni, 1587-1588 - evidenzia il confine della tagliata era contrassegnato da colonne, una delle quali è ancora ben visibile sulla via Parmense nell’area antistante a un centro commerciale.

Un progetto redatto qualche anno fa dall'arch. Enrico De Benedetti, (vicepresidente dell'Ente Farnese) non è stato portato a termine per difficoltà attuative. La richiesta della Soprintendenza di creare uno spazio molto ampio intorno alla colonna avrebbe, infatti, comportato l'eliminazione di numerosi posti auto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intento dell’Ente Farnese è di migliorare e valorizzare lo stato della colonna sempre più ignorata – ma non dai vandali che pochi anni fa hanno trafugato il capitello – che poggia su un basamento in cemento posto al disotto del piano stradale. Sul fondo del piccolo vano sono accumulate alle erbacce, plastica e detriti vari. Sarà quindi avviata la manutenzione straordinaria del sito, sostituendo la cancellata che la circonda con una più decorativa e applicando una targa esplicativa. Meno impegnativa risulta l'intervento sulla colonna, presunta sorella, esistente sulla Strada farnesiana incorporata nella cinta del fabbricato al civico 96 che sarebbe limitata all'apposizione di una targa chiarificatrice.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Vince il Covid e torna a casa nel giorno del compleanno del figlio: «Papà, sei un guerriero»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento