menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Le mimose non sono sufficienti, i diritti delle donne spesso dimenticati»

I Giovani Democratici: «Le mimose non portano uguaglianza e non cancellano le discriminazioni»

«L'8 marzo è la "Giornata internazionale dei diritti della donna", più spesso chiamata "Festa della donna" nell'accezione comune. Ma perché si rende necessaria una ricorrenza del genere? Perché i diritti delle donne, a differenza di quelli degli uomini, vengono spesso dimenticati. Si può davvero parlare di uguaglianza quando serve una giornata per ricordare i diritti di ben metà popolazione? No, le mimose non sono sufficienti. Le mimose non portano uguaglianza e non cancellano le discriminazioni:

- Non riempiono il gender pay gap: in Italia le lavoratrici guadagnano circa 3000 euro lordi in meno rispetto ai lavoratori (fonte: Osservatorio Jobpricing);

- Non trovano un'occupazione alle 99 mila donne (contro i 2 mila uomini) che a dicembre 2020 hanno perso il loro posto di lavoro (fonte: Istat);

- Non ridanno la vita alle donne morte per mano dei loro mariti/compagni/ex. Nel 2020 si è verificato 1 femminicidio ogni 3 giorni (fonte: Eures);

- Non difendono da un compagno violento: le telefonate valide ai centri antiviolenza sono aumentate del 73% durante il primo lockdown rispetto al medesimo periodo del 2019 (fonte: Istat);

- Non impediscono che si verifichino 2 casi di revenge porn al giorno (fonte: Direzione centrale della Polizia Criminale).

L'8 marzo c'è ben poco da festeggiare. Noi Gd ci impegneremo nel nostro piccolo per far sì che al più presto i diritti delle donne vengano ricordati tutto l'anno e non solo l'8 marzo».

Giovani Democratici Piacenza

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Attualità

"Paga per sbloccare il pacco": attenzione alla nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento