Piacenza, foto d’autore

Piacenza, foto d’autore

La foglia quel che poteva dare l’ha dato, ma non è rassegnata

Anche se è a fine carriera questa foglia di via Palmerio ha ancora, in sé, un rigurgito di vitalità. E se anche i vegetali soffrono di reumatismi, questa ne soffre tanto. Come noi, del resto, in questa stagione

I grandi fotografi con i quali sono cresciuto (specie quelli di scuola inglese) mi dicevano che, per fotografare bene, bisogna uscire dalla complessità. La bella immagine, per loro, è quella che ha saputo cogliere un particolare che sia espressivo del tutto. Questa lezione mi è stata utile anche per scattare questa foto che è limitata ad una sola foglia caduta da un ippocastano agli esordi dell’inverno e finita su un marciapiede madido di pioggia. Il marciapiede è piacentino, di via Palmerio, la foglia è visibilmente esausta ma non rassegnata. Anche se è a fine carriera (quel che poteva dare l’ha dato) questa foglia ha ancora, in sé, un rigurgito di vitalità. E se anche i vegetali soffrono di reumatismi, questa ne soffre tanto. Come noi, del resto, in questa stagione. L’estate infatti è finita, l’inverno si è insediato. Arriva il freddo. Cresce l’umidità. Cambia tutto. E questa foglia sembra dircelo. In modo semplice ma anche ineludibile. Un amico che ha guardato questo foto mi ha detto che si sentiva triste ed infreddolito. Erano le sensazioni che volevo evocare. Spero che le sentiate anche voi. Sono sensazioni piacentinissime.

Piacenza, foto d’autore

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento