Piacenza, foto d’autore

Opinioni

Piacenza, foto d’autore

A cura di Alessandro Bersani

Quando l’ignaro passante diventa protagonista

Mi sono piazzato all’inizio di via XX Settembre e ho puntato l’obiettivo verso via Mazzini, strisciando il palazzo del Governatore che, pur essendo colto in tralice, conserva, anzi rafforza, la sua compiaciuta maestosità

Volevo rischiare ritraendo Piazza Cavalli di striscio, senza il Palazzo Gotico. Ciò nonostante la fotografia è venuta bella lo stesso. Mi sono piazzato all’inizio di via XX Settembre e ho puntato l’obiettivo verso via Mazzini, strisciando il palazzo del Governatore che, pur essendo colto in tralice, conserva, anzi rafforza, la sua compiaciuta maestosità. Questa è una foto d’autore per tre motivi.

Il primo è che, pur violando la narrazione classica di questa piazza, l’immagine riesce a cogliere ugualmente il mood del luogo.

Il secondo motivo risiede nel fatto che il passante solitario che si vede a destra, in primo piano, introduce un elemento antropologico appena accennato, in uno spicchio di piazza che altrimenti sarebbe fatto solo di pietre anche se sublimemente disposte. Il passante che attraversa la piazza indossando già i pantaloni corti annuncia un’estate imminente ma che sinora ha stentato a sbocciare. Cammina mollemente silenzioso come se volesse dire: abbiate pazienza un attimo, lascio subito la scena. Non si rende conto invece che è lui la scena. Senza di lui, prevarrebbe il vuoto.

Il terzo motivo è dato dalla luce, singolarissima, che avvolge gli edifici, ringiovanendoli. Sono diventati, con questa luce magica, degli edifici post covid. Anzi, sembrano dire: noi la pandemia non ci ha nemmeno sfiorati. E adesso siamo di nuovo qui, più belli e solidi di prima. Sembravano insomma desiderosi di essere ripresi con questa loro nuova mise. Ed io li ho accontentati.

e-mail: news@alessandrobersani.com

Palazzo del Governatore (Bersani)-2

Si parla di

Quando l’ignaro passante diventa protagonista

IlPiacenza è in caricamento