Salute e medicina on line

Salute e medicina on line

Quale relazione tra le metastasi e il tumore primario?

Lo spiega una nuova ricerca del "Memorial Sloan Kettering Cancer Center" di New York. La scoperta apre a nuove prospettive terapeutiche

La formazione delle metastasi che provoca il 90% delle morti per tumore sembra essere dovuta alla riattivazione nelle cellule tumorali di geni deputati alla rigenerazione cellulare, piuttosto che a mutazioni genetiche delle cellule tumorali primarie, come si è pensato fino ad ora. Lo spiegano i Ricercatori del "Memorial Sloan Kettering Cancer Center" di New York, guidati dal Direttore dell'Istituto Joan Massaguè.   E' certo che il processo metastatico richiede il distacco di una cellula tumorale dal tessuto originario che si infiltra   tra le cellule epiteliali fino a raggiungere i vasi sanguigni o linfatici   e colonizzare un nuovo tessuto. Solo l'1% delle cellule che si staccano dal tumore primario riescono a dare origine a metastasi. Nello studio, pubblicato sulla rivista Nature Cancer, gli scienziati rivelano che le metastasi si sviluppano a causa della riprogrammazione delle cellule tumorali che acquisiscono le proprietà delle cellule staminali rigenerative. Queste cellule progenitrici usano la proteina L1CAM per aderire alla superficie dei capillari e diffondersi. Per comprendere il ruolo della proteina nella diffusione delle cellule tumorali, i ricercatori si sono concentrati in particolare sulle metastasi che derivano da tumori del colon retto. Le cellule metastatiche sfruttano un meccanismo cellulare fisiologico che consente la rigenerazione dei tessuti. Si tratta di una scoperta importante perché fino a questo momento non era chiaro quale fosse la relazione di queste stesse metastasi con il tumore primario. Uno studio che ha permesso di scoprire come il processo metastatico richieda il distacco di una cellula tumorale dal tessuto originario. La scoperta apre a nuove prospettive terapeutiche. I farmaci sviluppati sulla base delle mutazioni genetiche dei tumori, restano comunque efficaci, ha spiegato il professor Massaguè.  Il team di ricercatori ha già sviluppato degli anticorpi diretti contro la molecola L1CAM che, negli studi condotti in Laboratorio, si sono dimostrati altamente efficaci contro   le cellule dei pazienti che producono livelli elevati della molecola.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Salute e medicina on line

Spazio di divulgazione medico-scientifica intesa ad approfondire temi generali che riguardano la salute e gli eventi collegati. Si tratta di articoli di natura medica, affrontati però con un taglio divulgativo accessibile ai non esperti, che non possono in alcun modo sostituirsi a valutazioni o a diagnosi mediche.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • mannaggia, se solamente l’1% delle cellule che si staccano da un tumore danno poi origine alle metastasi, vuol dire che dai tumori si stacca un’infinità di cellule, visto che ogni anno si forma un elevatissimo numero di metastasi, la cui formazione peraltro è in pratica quasi una condanna a morte, considerando che le metastasi provocano nei malati di tumore il 90% dei decessi. Ste cellule tumorali sono proprio delle gran @#?*%$e che riescono addirittura ad acquisire le proprietà delle cellule staminali rigenerative. Però, prima o poi, gli umani riusciranno a sconfiggere ste maledette cellule tumorali

    • sapevo che “ba.star.de” è una brutta parola, ma non pensavo che fosse così brutta da meritarsi di essere oscurata, e comunque mi sembrava che essa fosse una parola particolarmente indicata per qualificare le cellule tumorali

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento