Agrisystem, aperte le iscrizioni per il dottorato della Cattolica

Dottorato multidisciplinare e internazionale. Il 95% dei dottori di ricerca trova un'occupazione entro sei mesi

Sono aperte le selezioni per l’ammissione al Dottorato per il Sistema Agroalimentare - Agrisystem. A Piacenza 18 posti disponibili, 12 con borsa di studio, destinati ai migliori laureati, italiani e stranieri, motivati ad approfondire la propria formazione nel campo della ricerca applicata ai vari aspetti del sistema agroalimentare. Con il nuovo anno accademico prenderà il via l’undicesima edizione del dottorato. Un grande traguardo reso possibile anche alle borse di studio finanziate quest’anno da Barilla, Fondazione di Piacenza e Vigevano, Fondazione Eugenio e Germana Parizzi, Mead Johnson Nutrition, Regione Emilia-Romagna e alle borse di studio sostenute dall’Ateneo e dai singoli Istituti di ricerca.

“Le aziende che guardano al futuro puntano sulla formazione di qualità: siamo orgogliosi di riscontrare la fiducia riposta in Agrisystem dalle multinazionali del settore food” sottolinea il prof. Marco Trevisan, coordinatore del dottorato promosso dalle facoltà di Scienze agrarie, alimentari e ambientali e di Economia e Giurisprudenza dell’Università Cattolica di Piacenza. “Si tratta di imprese che hanno deciso di sostenere borse di studio per offrire a giovani neolaureati l’opportunità di un impiego qualificato nell’agroalimentare, ma anche di imprese che hanno investito sui propri dipendenti, offrendo loro la possibilità di frequentare il dottorato nella modalità executive, che permette di conciliare lavoro,  studio e ricerca.”

Istituita nel 2006 la Scuola, impostata sulla multidisciplinarietà delle competenze e l’internazionalizzazione dei saperi - i dottorandi devono svolgere un periodo di studio all’estero di minimo di 6 mesi-, vanta ad oggi 118 Dottori di Ricerca e 39 dottorandi. “Agrisystem è un intenso percorso di crescita formativa e personale che permette di confrontarsi quotidianamente con ricercatori di aree differenti e di diversi paesi. Il 20% dei nostri dottori di ricerca è stato scelto per lavorare all’estero e oggi occupa posti rilevanti in aziende multinazionali del settore agroalimentare e in Università straniere”.

Agrisystem propone un percorso innovativo e unico nel panorama italiano  che attira a Piacenza ogni anno i migliori laureati provenienti da diverse università italiane e straniere e assicura al 95% dei propri dottori di ricerca un’occupazione entro i primi 6 mesi dal conseguimento del titolo. La Scuola, oltre a garantire una formazione trasversale alle varie discipline, da quest’anno introduce una novità, come evidenzia il prof. Trevisan “I dottorandi avranno la possibilità di personalizzare il piano di studio completando la formazione con la partecipazione a corsi, seminari, convegni presso altre Università o centri di ricerca in Italia o all’estero”.

“Da sempre il dottorato si pone anche al servizio delle imprese locali con una forte vocazione rurale, che devono in tempi rapidi dare corso a processi di ‘sprovincializzazione’, senza però perdere quegli elementi identitari, che continuano a rappresentare un rilevante fattore competitivo” conclude il prof. Trevisan “Agrisystem valorizza inoltre l’esigenza, tipica del settore agroalimentare, di raggiungere un giusto equilibrio tra il radicamento territoriale e la formazione di una cultura imprenditoriale capace di operare in un mercato sempre più globalizzato.” Per maggiori informazioni su Agrisystem https:// dottoratI.unicatt.it/agrisystem Il bando scade il 12 settembre 2016.

prof. Trevisan.JPG (2)-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento