rotate-mobile
Cronaca

«Con l'auto del Comune anche a prostitute: sapevano quello che facevano»

Emergono ulteriori dettagli sul terremoto che ha sconvolto Palazzo Mercanti, e la città, negli ultimi giorni. Il procuratore capo: «Comportamenti continuati con caparbietà e dolo». Un dipendente sarebbe andato a prostitute con un mezzo dell'Amministrazione

Le accuse sono di truffa, falso e per qualcuno anche di peculato per aver usato automezzi di servizio per scopi non lavorativi. L’inchiesta è stata complessa ed è durata diversi mesi. Gli inquirenti hanno acquisito prove su prove, pedinando i presunti impiegati pubblici infedeli, riprendendoli anche al di fuori dell’ufficio durante l’orario di lavoro. Un'attività complessa che ha richiesto centinaia di ore di servizio, verifiche incrociate e attente analisi. «La municipale e la finanza hanno lavorato gomito a gomito per mesi mettendo in campo ciascuno le proprie competenze riuscendo a raggiungere un notevole risultato», ha commentato il pm Antonio Colonna.

Dipendenti "infedeli", 50 indagati ©Gisimage/IlPiacenza

I FURBETTI DEL CARTELLINO IN COMUNE - GUARDA IL VIDEO

Schermata 2017-06-29 alle 12.56.25-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Con l'auto del Comune anche a prostitute: sapevano quello che facevano»

IlPiacenza è in caricamento