rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
La tragedia ha scosso l'intero Piacentino

«Come faremo senza di te? La vita è ingiusta»

Vastissimo il cordoglio. La tragedia ha scosso l'intero Piacentino. Sia a Calendasco sia a Castelsangiovanni nella serata del 12 gennaio alle 20.30 nelle rispettive chiese sarà recitato un rosario in memoria delle vittime

«Sei la mia vita! Come faremo senza di te? La vita è ingiusta... ADDIO!». A scriverlo, distrutta dal dolore, sul proprio Facebook Antonella Grandini, la mamma di Elisa Bricchi la giovane 20enne che ha trovato la morte insieme al fidanzato e altri due amici nella notte tra il 10 e l'11 gennaio nelle acque del Trebbia a Calendasco. Sotto la frase una foto della figlia con il ragazzo, Costantino Merli. Elisa, una giovane donna che si affacciava alla vita e stava cercando il suo posto nel mondo era anche la figlia di Giovanni, ispettore della polizia locale dell'Unione Valnure-Valchero attorno al quale il comandante Paolo Giovannini e tutti i colleghi si sono stretti in un vastissimo cordoglio.

E' un dolore che attraversa tutta la provincia e anche oltre: Borgonovo, paese di Domenico Di Canio, Castelsangiovanni dove abitava William Pagani e Guardamiglio paese di Costantino Merli. Sono tante le amministrazioni comunali che hanno espresso le condoglianze e la vicinanza alle famiglie delle vittime. A Calendasco, paese di Elisa, il sindaco Filippo Zangrandi, che saputa la disgrazia si è precipitato sull'argine dove è stato tutto il giorno, ha proclamato il lutto cittadino nel giorno dei funerali: «Questa è la più grande tragedia accaduta sul nostro territorio. Perdere quattro vite di ragazzi così giovani. Appena ho saputo dell'accaduto sono voluto venire qui per esprimere vicinanza e un abbraccio carico di umanità alle famiglie delle quattro vittime. Non ci sono parole in questi momenti, solo silenzio carico di umanità e vicinanza». Sia a Calendasco sia a Castelsangiovanni nella serata del 12 gennaio alle 20.30 nelle rispettive chiese sarà recitato un rosario in memoria delle vittime.

E non si contano i messaggi, i commenti agli articoli on line, i post che raccontano il dolore, lo stordimento e la sofferenza che quanto accaduto quella notte ha provocato nel Piacentino. Una ragazza, Silvia Cremona, ha scritto su Facebook:  Mi tremano ancora le mani. Quando ho saputo quello che è accaduto mi si è gelato il sangue. Non conoscevo tutti e quattro i ragazzi scomparsi la scorsa notte, conoscevo solo una delle quattro vittime della tragedia. Conoscevo Elisa, la conoscevo da quando eravamo bambine... abbiamo trascorso insieme i primi 13 anni della nostra vita. Mi ricordo di lei la folta e sempre perfetta chioma nera, i suoi vestiti rosa, la sua risata rumorosa, la sua incessante parlantina, la sua perenne abbronzatura e il suo ineguagliabile carisma che l'ha sempre accompagnata fin da piccolina. Benché le nostre strade si fossero separate, quando ci incontravamo non mancava mai un bel sorriso e un pò di chiacchiere. Ora Elisa non c'è più, lascia un vuoto enorme... ma ci ha lasciato sicuramente il ricordo di quel suo bellissimo sorriso. Buon viaggio Eli. Ci mancherai.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Come faremo senza di te? La vita è ingiusta»

IlPiacenza è in caricamento