«Fermateli, vendono droga anche ai minorenni», tossicodipendente aiuta i carabinieri: 19 arresti

Ennesimo colpo allo spaccio da parte dei carabinieri di Rivergaro che con l'operazione Easy Cash hanno messo le manette a 19 spacciatori. Centinaia i clienti per un giro da migliaia di euro

Da sinistra: il luogotenente Roberto Guasco, il sostituto procuratore Ornella Chicca e il capitano Antonino Barbera

«Io ho cinquant'anni e ormai la mia vita è questa ma loro vendono droga anche ai minorenni: non va bene», deve aver detto più o meno così l'uomo che ha fatto iniziare ai carabinieri di Rivergaro l'operazione Easy Cash che ha portato in cinque mesi a 9 arresti, 10 misure di custodia cautelare e a 7 denunce oltre al sequestro di un importante quantitativo di droga.  In manette sono finiti tunisini e marocchini, ma anche un italiano) che nel tempo avevano creato diverse piazze di spaccio molto fruttuose a Caorso, Piazzale Marconi, Montale, via Santo Stefano e Pubblico Passeggio: in solo cinque mesi sono state documentate 300 cessioni. Le ordinananze sono state eseguite nei giorni scorsi e portano la firma del gip Stefania Di Rienzo mentre gli arresti in flagranza (9) sono stati compiuti da gennaio a maggio 2018, in totale quindi l'ennesima operazione dei carabinieri di Rivergaro, guidati dal luogotenente Roberto Guasco, ha portato a 19 arresti.  I pusher (alcuni regolari altri no, ma tutti senza fissa dimora e nullafacenti) compravano la droga nel Milanese e a Bergamo per poi rivenderla nel nostro territorio dove avevano centinaia di clienti. Spacciavano principalmente cocaina e hascisc e proprio un cliente del sodalizio criminale non strutturato a piramide ma comunque organico e sinergico, ha assistito alla spaccio ad alcuni ragazzini (che poi si sono rivelati appena maggiorenni): colpito dalla giovane età si è sentito in dovere di contattare i carabinieri che ben presto hanno alzato il velo su un giro di spaccio da migliaia di euro che «aveva creato un notevole allarme sociale», ha spiegato il comandante della compagnia di Bobbio, il capitano Antonino Barbera. Le indagini sono state coordinate dal sostituto procuratore Ornella Chicca. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento