Fermato con più di quattro etti di cocaina sotto il sedile: in manette albanese con quindici alias

In manette nella tarda mattinata del 13 luglio è finito un 37enne albanese sul quale pendeva una condanna per furto di sette mesi. L'uomo ha 15 alias e a Piacenza fa il muratore. Lo hanno bloccato i carabinieri a Piazzale Milano

La droga, i contanti e i cellulari sequestrati dai carabinieri

Lo hanno bloccato con più di quattro etti di cocaina sotto il sedile. In manette nella tarda mattinata del 13 luglio è finito un 37enne albanese. Ad arrestarlo i carabinieri. Portato in caserma i militari hanno scoperto che doveva scontare sette mesi di reclusione per furto, la condanna, diventata definitiva era stata emessa dal tribunale di Ravenna. Lo straniero è stato fermato a Piazzale Milano a bordo della sua auto: probabilmente era andato a rifornirsi nel Milanese per poi rivendere la cocaina, pura al  70% e ancora da tagliare, al dettaglio. I quattro etti e venti grammi avrebbero fruttato circa 80mila euro per più di mille dosi, fanno sapere dal comando provinciale dell'Arma. Addosso aveva due cellulari, mentre nella sua abitazione i carabinieri hanno trovato altri tre telefoni cellulari, un tablet, una bilancia, materiale vario per il confenzionamento, altri due grammi di cocaina e 150 euro in contanti. Le indagini del carabinieri sono ancora in corso: l'uomo ha 15 alias e anche un rintraccio internazionale dell'Interpol. In Italia, con il nome che riportato sui documenti (ha anche una patente greca) risulta regolare. Nella nostra città fa il muratore.  Su disposizione del pm Matteo Centini è stato portato alle Novate. Al dispositivo di controlli, intensificati nel finesettimana, hanno preso parte oltre ai carabinieri dell'Aliquota Operativa, quelli del Radiomobille e delle stazioni di Piacenza Principale e Piacenza Levante.



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento