Omicidio di via 4 Novembre, a breve il 26enne sarà interrogato in carcere

Gianluca Mazzarelli in stato di fermo per omicidio volontario dopo essersi presentato in questura spontaneamente: l'interrogatorio lunedì 1 gennaio. Entro il 31 l'autopsia sulla vittima

A terra il corpo senza vita del 31enne ucciso

Verrà interrogato nelle prossime ore Gianluca Mazzarelli, il 26enne pugliese, residente a Piacenza, che l'altra notte si è costituito in questura dopo l'accoltellamento che è costato la vita al 31enne albanese Ervin Tola, imbianchino, davanti al bar Oldtimer di via 4 Novembre. Il giovane, accusato di omicidio volontario, si trova nel carcere delle Novate in stato di fermo dopo essersi presentato spontaneamente in questura poche ore dopo il delitto, e il pm Emilio Pisante lo ascolterà insieme al gip lunedì 1 gennaio per la convalida del fermo e l'applicazione, quasi certa, di una misura cautelare. Il giovane è difeso dall'avvocato Antonino Rossi. Nella giornata del 31 dicembre si svolgerà invece l'autopsia sul corpo della vittima: il medico legale, il dottor Osculati di Pavia, eseguirà l'esame destinato a fornire indicazioni precise sulla causa della morte e la dinamica dell'aggressione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento