menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un posto di controllo della Polizia locale (immagine di repertorio)

Un posto di controllo della Polizia locale (immagine di repertorio)

«Il nostro cane non fa la pipì sull'asfalto». Lo "scusario" per allontanarsi da casa non conosce limiti

Proseguono i controlli delle forze dell'ordine per l'applicazione delle norme anticontagio da coronavirus. Numerose le persone sanzionate durante il fine settimana

Lo "scusario" di quei cittadini che in questo periodo vengono fermati dalle forze dell'ordine che controllano l'applicazione e il rispetto delle norme governative anticontagio, si arricchisce di altre circostanze che, secondo le autorità che procedono, non rientrerebbero proprio nei criteri di "urgenza" da riportare nell'autocertificazione e che consentono alla gente di poter uscire di casa in casi straordinari di comprovata necessità. Come riportiamo spesso nelle cronache di questo lungo periodo di quarantena per fermare la diffusione dei contagi da cronavirus in atto in tutto il Paese, tutte le forze dell'ordine sono in campo 24 ore al giorno per i controlli sulle strade.

Diversi i cittadini fermati nell'arco del fine settimana dalle pattuglie della Polizia Locale di Piacenza. «Stiamo portando il nostro cane a fare i bisogni in un campo perché non fa la pipì sull'asfalto» ha raccontato una coppia fermata dagli agenti, con il proprio amico a quattro zampe in auto, a un chilometro e mezzo dalla loro abitazione. Inevitabile la sanzione, così come anche per un piacentino fermato poco prima di mezzanotte in via Veneto dalla pattuglia della Polizia Locale, e che ha spiegato di averne approfittato per andare ad acquistare un tramezzino in un distributore automatico di generi alimentari.

Stessa sorte anche per due amici fermati in auto a un posto di controllo, e che hanno detto di essere diretti in ospedale per fare visita al vicino di casa che era stato ricoverato all'improvviso, nonostante sia ben noto che, in questo periodo, sono vietate le visite alle persone ricoverate.

Anche i carabinieri sono intervenuti, tra sabato e domenica, per contestare il mancato rispetto delle disposizioni: in particolare una pattuglia del Radiomobile di Piacenza è intervenuta nel cortile di un condominio dove era stata organizzata una festa, mentre lungo l’argine del Po, la pattuglia della stazione di Monticelli, ha identificato numerose persone intente a passeggiare in violazione alle disposizioni sulla mobilità. Infine, nel cortile di un condominio era stata organizzata una grigliata con musica ad alto volume, ove interveniva ancora la pattuglia dei carabinieri di Piacenza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccino, a Piacenza in arrivo quasi 54mila dosi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento