menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Da sinistra: Daniela Rossi, Giacomo Cerri e Giorgio Cisni

Da sinistra: Daniela Rossi, Giacomo Cerri e Giorgio Cisni

Traffico, abolito il blocco del giovedì: ecco le nuove limitazioni

Scatta il piano regionale integrato. La novità è che per i veicoli a diesel le restrizioni varranno fino agli euro 3 mentre negli anni passati erano interessati i diesel fino a euro 2

Partono dal 1 ottobre le limitazioni al traffico dei veicoli nel centro abitato di Piacenza. Il piano regionale integrato per la limitazione dell'aria (Pair) sarà approvato entro la fine dell'anno ma nel nostro comune, come in tutti i comuni che hanno più di 30mila abitanti dell'Emilia Romagna, sarà in vigore da ottobre.  Ci sono alcune novità rispetto agli anni passati: sarà abolito il blocco del traffico il giovedì mentre le limitazioni dal lunedì e al venerdì (8.30-18.30) saranno più restrittive come anche le prime domeniche del mese, le cosiddette domeniche ecologiche. 

I veicoli che dovranno sottostare ai blocchi sono: veicoli a benzina Euro zero ed euro 1. La novità è che per i veicoli a diesel: le restrizioni varranno fino agli euro 3 mentre negli anni passati erano interessati i diesel fino a euro 2. Solo per i mezzi commerciali leggeri diesel il divieto di circolazione sarà applicato con un anno di deroga (da ottobre 2016). L'area interessata dai blocchi di circolazione rimane la stessa degli anni precedenti. Le domeniche ecologiche saranno sospese per il mese di dicembre e fino al 6 gennaio in occasione delle festività natalizie. 

Di seguito il link del sito per sapere a quale classe di Euro appartiene la propria automobile: https://servizi.aci.it/AciTipoEuroWeb/ 

«Per quanto riguarda le auto storiche - precisa Giorgio Cisini, assessore all'Ambiente - abbiamo chiesto di allargare la deroga in quanto abbiamo tante manifestazioni che ospitano questo genere di veicoli».   «Con il Pair - afferma Daniela Rossi, responsabile U.O. Ecologia - le limitazioni non saranno più legate ad accordi volontari ma tutti i comuni coinvolti dovranno seguire le norme obbligatoriamente. C'è stato un leggero miglioramento della qualità dell'aria: queste misure hanno funzionato».  

«Nel 2016 - spiega Giacomo Cerri, funzionario U.O. Ecologia - ci sarà anche la limitazione per i veicoli commerciali Diesel euro 3, nel 2018 si aggiungeranno i veicoli diesel Euro 4 e nel 2020 i benzina Euro 2 e bifuel Euro zero e Euro 1».  L’obiettivo al 2020 rimane la riduzione delle emissioni inquinanti e il risanamento della qualità dell’aria: il PAIR individua un pacchetto integrato di azioni per rientrare nei limiti fissati dall’Unione Europea. L’inquinamento atmosferico resta il principale fattore ambientale collegato a malattie prevenibili e mortalità prematura nonché il responsabile di effetti negativi su gran parte dell’ambiente naturale dell’Europa, come evidenziato dalle Linee guida sulla qualità dell’aria dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dagli studi dell’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro.

Quelle previste dal Piano rappresentano dunque misure fondamentali, considerato anche il fatto che la Corte di Giustizia Europea con sentenza del 2012 ha condannato l’Italia e, fra le altre, la Regione Emilia - Romagna, per il superamento dei valori limite di PM10 registrato in numerose zone e agglomerati negli anni 2006 e 2007, e che la Commissione Europea ha avviato una nuova procedura precontenziosa sulla base della quale lo Stato italiano e, fra le altre, la Regione Emilia-Romagna sono tenuti a fornire i dati relativi alle azioni e ai piani adottati per far fronte ai superamenti degli anni successivi.

Giorgio Cisini-5

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento