Minacce dalle "Nuove Brigate Rosse" a Barbieri, Bonaccini e altri sindaci della regione

La lettera di minacce che avevano già ricevuto Bonaccini e altri sindaci emiliano-romagnoli è pervenuta anche al sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri

Patrizia Barbieri

«Diversi sindaci in questi giorni hanno ricevuto lettere di minaccia indegne. Una simile lettera è stata recapitata anche a me e prontamente ho contattato le autorità competenti. Come ribadito questa al sindaco di Ferrara Alan Fabbri, anche a Gian Carlo Muzzarelli sindaco di Modena, Andrea Gnassi sindaco di Rimini, Michele De Pascale sindaco di Ravenna e Gian Luca Zattini sindaco di Forlì, vanno la solidarietà e la vicinanza mia e di tutta la Regione. Istituzioni e comunità regionale stiano unite contro chi semina odio. Mi auguro vengano individuati prima possibile i responsabili». Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini commenta una serie di missive inviate ad alcuni amministratori dell’Emilia-Romagna da parte delle sedicenti "Nuove Brigate Rosse". Tra loro c’è anche il sindaco di Piacenza e presidente della Provincia Patrizia Barbieri, che ha fatto l’amara scoperta nella mattinata dell’11 novembre: anche il nostro primo cittadino è stata minacciata. 

IL CENTRODESTRA: «ATTO VILE, MASSIMA SOLIDARIETÀ E VICINANZA A PATRIZIA BARBIERI»

«Un atto vile e deprecabile che condanniamo con durezza, esprimendo a Patrizia Barbieri la piena solidarietà e il sostegno, certi che non si farà intimorire dall’ignobile gesto continuando, come sta facendo, a guidare con forza e determinazione la nostra comunità in particolare in questo delicato e drammatico passaggio storico». I consiglieri di centrodestra in Comune di Piacenza esprimono così la piena vicinanza al Sindaco Patrizia Barbieri, destinataria quest’oggi di una lettera minatoria firmata da “Le nuove Brigate Rosse”. «Nell’emergenza sanitaria che stiamo vivendo – continuano i consiglieri – gli amministratori sono in prima linea nel delicato compito di tutela della comunità e occorre fornire loro tutto il supporto e la vicinanza possibili. Atti e lettere minatorie e ignobili, come quelle ricevute dal Sindaco Barbieri e da altri sindaci e istituzioni in questi giorni, non possono in alcun modo essere tollerati, ma devono trovare la più piena e unanime condanna. A Patrizia, ancora una volta rinnoviamo il nostro più che mai affettuoso e determinato Forza Sindaco!».

BISOTTI (PD): «SOLIDARIETA’ A BONACCINI E BARBIERI»

Il Pd piacentino esprime solidarietà e vicinanza al Presidente Bonaccini a tutti i Sindaci e Amministratori della nostra Regione, fra i quali il Sindaco di Piacenza Patrizia Barbieri, oggetto in queste ore di minacce indegne a firma nuove BR. «Questi seminatori di odio e di violenza – spiega il segretario provinciale Silvio Bisotti - devono sentirsi isolati e contrastati senza riserve. Con la certezza che le radici democratiche e pacifiche delle nostre comunità sappiano sempre dare la risposta più efficace a queste forme di inciviltà confidiamo in un rapido accertamento dei responsabili di questi atti infami».

PISANI E MURELLI (LEGA): «UN ATTO CRIMINALE DA VALUTARE CON LA MASSIMA ATTENZIONE»

Vicinanza al sindaco Barbieri e pronti a collaborare per fermare qualsiasi tipo di eversione del sistema democratico. I parlamentari della Lega, il senatore Pietro Pisani e la deputata Elena Murelli, esprimono la loro solidarietà al sindaco Patrizia Barbieri, e a tutte le altre istituzioni dell'Emilia Romagna che hanno ricevuto la stessa minaccia, destinataria di una lettera minatoria da parte delle sedicenti Nuove brigate rosse. Secondo Pisani, «nel momento in cui il potere dello Stato è debole si rischia di lasciare spazio a quei delinquenti che tendono a sovvertire l’ordine costituito. Massima attenzione alla nascita di questi fenomeni che possono creare un grande danno alla società e non sottovalutarli come si fece nel periodo buio degli Anni 70». Murelli afferma che «se non fosse per il passato tragico e sanguinoso che richiama quella sigla di terroristi, non andrebbero presi sul serio. Purtroppo, chi si richiama a quel passato può essere pronto a trasformare pensieri eversivi in azioni violente».

5 STELLE: «VICINI AL SINDACO»

«A nome del Movimento 5 Stelle – intervengono i consiglieri comunali Sergio Dagnino e Andrea Pugni - esprimiamo tutta la nostra vicinanza al sindaco Barbieri per le vergognose minacce ricevute. Ci auguriamo naturalmente la pronta individuazione dei responsabili del vile gesto».

MINACCE BR AI SINDACI ED AL GOVERNATORE BONACCINI, LA SOLIDARIETÀ DELL’UGL

«L'Ugl dell'Emilia-Romagna esprime la massima solidarietà e vicinanza ai sindaci di Bologna, Modena, Reggio, Ferrara, Rimini, Ravenna e Forlì, ed anche al governatore Stefano Bonaccini, raggiunti in questi giorni nei loro luoghi di lavoro da lettere di minacce firmate 'Nuove Brigate Rosse', con gravissime intimidazioni estese anche alle comunità locali ed ai soggetti socio-economici attivi della nostra regione. Il nostro stesso sindacato, nelle scorse settimane, è stato preso di mira con minacce fisiche e scritte minatorie nelle sedi, anche a Bologna, a testimoniare un clima che si sta avvelenando ogni giorno di più». Scrive in una nota Tullia Bevilacqua, segretario regionale Emilia-Romagna dell'Ugl. «In attesa che le indagini delle Forze dell'ordine facciano il loro corso, riteniamo doveroso affermare che è sempre da condannare ogni attacco verbale o materiale portato da soggetti che pescano nella peggiore violenza ideologica degli anni Settanta tentando di riportare le nostre istituzioni democratiche in quel clima di paura, odio e incertezza che abbiamo tutti vissuto, anche con perdite di vite umane, nei cosiddetti “anni di piombo”. Ma non saranno certo questi messaggi, queste vili minacce, a comprimere i valori della libertà, del confronto e della convivenza tra i cittadini e le istituzioni politiche, economiche e sociali, che la stessa Ugl difende da sempre e ad ogni costo, e a maggior ragione in questa fase storica di emergenza sanitaria particolarmente difficile e delicata per tutti», conclude il segretario regionale Emilia-Romagna dell'Ugl, Tullia Bevilacqua.

TAGLIAFERRI (FDI): «SOLIDARIETÀ A BONACCINI E AI SINDACI EMILIANO-ROMAGNOLI MINACCIATI DALLE BR»

«Siamo vicini ai sindaci dell'Emilia-Romagna e al Presidente Bonaccini – fa sapere il consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri (Fd’I) - per le minacce subite dalle nuove Br. Si tratta persone ideologicamente ritardate i cui riferimenti hanno già fatto troppi morti e troppo male all'Italia: questo è un momento di unità e di coesione che ci impegna tutti. Da piacentino mando un saluto e un abbraccio particolare a Patrizia Barbieri: sapremo reagire e essere forti».

GIROMETTA (FI): «ANCORA PIU’ UNITI NELLA LOTTA ALLA PANDEMIA»

«Apprendo con stupore e amarezza la notizia – aggiunge il commissario provinciale di Forza Italia Gabriele Girometta - che il Sindaco Patrizia Barbieri ha visto recapitarsi in mattinata una lettera di minacce a firma di sedicenti Brigate Rosse. Intendo esprimere a lei la mia personale, e quella di tutta Forza Italia di Piacenza, vicinanza e solidarietà per questo spiacevole episodio accaduto. Patrizia Barbieri sta guidando con fermezza la città in questa situazione di grande emergenza sanitaria ed economica, in accordo con tutte le istituzioni locali e nazionali. Chi attacca e minaccia un bravo Sindaco, di riflesso lo fa contro tutto il sistema democratico che abbiamo in Italia e contro i cittadini che in questo caso siamo noi piacentini. Questo episodio ci deve unire ancora di più nella lotta alla pandemia in atto, trovando tutti insieme le risposte alle tante domande di aiuto che arrivano dal nostro tessuto socio economico. Chi vuole sfruttare questo momento per destabilizzare gli equilibri sociali, che con grande difficoltà si sta cercando di mantenere, deve essere prontamente individuato dalle autorità competenti e messo in condizioni di non poter nuocere alla tranquillità del nostro Sindaco nell’esercizio delle sue funzioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento