menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il militare a terra mentre viene colpito (foto E.Gatti)

Il militare a terra mentre viene colpito (foto E.Gatti)

Pestaggio del carabiniere, respinto il ricorso dell'anarchico Canti

Canti fu arrestato insieme al valsusino No Tav Giorgio Battagliola e all'egiziano Si Cobas Moustafa Elshennawi. Presero parte al pestaggio del brigadiere capo Luca Belvedere durante i gravi scontri avvenuti il 10 febbraio 2018 in via Sant'Antonino. Per Canti la condanna a tre anni diventa ora definitiva

Pestaggio del brigadiere capo dell'Arma Luca Belvedere il 10 febbraio 2018 in via Sant'Antonino. La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato da Lorenzo Canti (antagonista modenese condannato dapprima a tre anni e sei mesi poi in corte d'Appello a Bologna a tre anni) e quindi ora la sentenza diviene definitiva. Canti, come si legge sulla Gazzetta di Modena, è anche condannato a pagare 3mila euro di spese processuali. La settima Sezione, si legge, ha chiarito che non si possono accogliere i motivi addotti da Canti contro la sentenza del 23 luglio 2019 in appello a Bologna.  Canti fu arrestato insieme al valsusino No Tav Giorgio Battagliola (condannato in primo grado a 4 anni e due mesi, e in appello a tre anni e sei mesi) e all'egiziano Si Cobas Moustafa Elshennawi condannato a 4 anni e 8 mesi con rito abbreviato. Tutti e tre a vario titolo presero parte al brutale pestaggio del militare in forza al V Battaglione di Bologna negli scontri avvenuti in via Sant'Antonino il 10 febbraio durante il corteo antifascista contro Casa Pound e organizzato da vari collettivi, tra i quali il piacentino ControTendenza. Il grave episodio di violenza fu filmato attimo per attimo solo dal nostro quotidiano. Alcuni scontri si erano già verificati in via Landi, poi in piazza Sant'Antonino i manifestanti forzarono il blocco delle forze dell'ordine per poi sfondarlo nel tentativo di raggiungere la sede di Casa Pound. Il carabiniere riportò gravi traumi e per mesi non ha potuto ritornare in servizio. Tutti erano accusati di resistenza a  pubblico ufficiale aggravata e lesioni personali aggravate. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento