Picchia la moglie per anni e poi la perseguita con decine di telefonate, arrestato

In carcere per stalking e maltrattamenti in famiglia un 45enne che per anni avrebbe picchiato e minacciato la moglie. Una volta separati l'ha perseguitata con decine di telefonate al giorno. La donna ha trovato il coraggio di denunciare ed è stata salvata dai carabinieri

Al centro il luogotenente Mario Scozzarella, a destra il tenente Antonio Cirella

Maltrattata per anni dal marito è riuscita a chiedere aiuto ai carabinieri che hanno avviato le indagini al termine delle quali un 45enne piacentino pregiudicato per rapina e truffa, è stato portato in carcere dopo l'emissione dell'ordinanza di custodia cautelare chiesta dal pm Antonio Colonna al gip Stefania Di Rienzo, per stalking e maltrattatamenti in famiglia. La donna dopo dieci anni, raccontano i militari di Sarmato, guidati dal luogotenente Mario Scozzarella, ha trovato il coraggio di lasciare il marito violento e dedito all'alcol, ripercorrendo con i carabinieri il matrimonio infelice durante il quale l'uomo l'avrebbe minacciata anche di morte e picchiata spesso davanti a parenti e amici. Dopo la separazione il 45enne ha cominciato a perseguitarla con decine di telefonate a tutte le ore, l'ha pedinata e minacciata più volte. La donna spesso era anche andata al pronto soccorso dopo essere stata malmenata ma non avrebbe mai trovato la forza per denunciarlo. Ora l'uomo si trova alle Novate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento