Preso a bottigliate per un selfie negato, è caccia all'aggressore

Violenza in via Torricella e via Pozzo: i protagonisti sono tutti nigeriani. Gli aggressori sono in fuga, e la polizia indaga. L'ultima aggressione sarebbe nata da un cellulare negato

Le forze dell'ordine e i soccorsi sul posto

Se all'origine della bottigliata del 31 luglio in via Torricella pare ci fossero un paio di calzoni cuciti male, a scatenare l'aggressione di via Pozzo il 5 agosto, ci sarebbe un selfie negato, fanno sapere dalla questura. Protagonisti di entrambi gli episodi quattro giovani nigeriani. I poliziotti stanno cercando i due aggressori. In via Pozzo un nigeriano di 22 annni, richiedente asilo e ospitato a Pontedellolio come la vittima che di anni invece ne ha 23, ha chiesto al compagno il cellulare per farsi una foto, e al rifiuto lo ha colpito con una bottiglia di vetro rotta provocandogli tagli e lesioni guaribili in 8 otto giorni. Poi è scappato e ha fato perdere le proprie tracce. Tutto sarebbe nato nei pressi dell'Africano Bar.  Il 31 luglio invece in via Torricella un nigeriano ha comprato una bottiglia di birra al market cinese, l'ha svuotata, rotta e poi si è scagliato contro il sarto incapace, ferendolo gravemente ad un braccio. Poi la fuga. Il negozio è stato chiuso per 30 giorni per ordine del questore che ha applicato l'articolo 100 del Tulps (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza). Gli episodi del 31 e del 5 agosto sono sono gli ultimi di una lunga scia di violenza nel Quartiere Roma. 

«Nei giorni scorsi - aveva dichiarato il questore Pietro Ostuni - si sono svolti diversi tavoli del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica ai quali hanno partecipato i carabinieri, la finanza e la polizia municipale, sia in Prefettura sia in questura, al termine dei quali si è deciso per un importante giro di vite nella zona. Abbiamo il dovere di dare un segnale forte ai tanti residenti che si trovano a vivere in una zona difficile e teatro di episodi violenti e di degrado». «Dall'inzio dell'anno sei gli episodi più gravi avvenuti nei pressi del negozio e gestiti dai poliziotti delle volanti, senza contare tutti gli altri di più lieve entità. Da gennaio in tutta la città sono state controllate 15.698 persone, 5455 solo nel Quartiere Roma dove sono state denunciate 94 persone ed effettuati 26 arresti. Continueremo in questa direzione». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento